Paura terrorismo: espulso dal Viminale un siriano con dimora nel Vibonese

Aveva esultato dopo gli attacchi di Manchester e tentato di avviare all’estremismo islamico l’operatrice di un Centro di accoglienza

Aveva esultato dopo gli attacchi di Manchester e tentato di avviare all’estremismo islamico l’operatrice di un Centro di accoglienza

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Un cittadino siriano è stato stati espulsi dal territorio nazionale per motivi di pericolosità sociale. Lo rende noto il Viminale che sottolinea come con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell’estremismo religioso espulsi con accompagnamento nel proprio Paese dal gennaio 2015 a oggi.

Informazione pubblicitaria

Il siriano utilizzava anche un alias di un cittadino tunisino. Nel 2015 era stato tratto in arresto per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nelle serre vibonesi. Precisamente a Brognaturo in un centro gestito dalla Cooperativa “Stella del Sud” dove in diverse circostanze  è stato segnalato per condotte prevaricatrici nei confronti di altri ospiti e degli operatori.

In particolare, secondo il Ministero dell’Interno e la polizia, aveva espresso apprezzamento nei confronti degli autori dell’attentato terroristico di Manchester e tentato di avviare una operatrice del centro verso la conversione all’estremismo religioso islamico. Successivamente aveva avuto un diverbio con un operatore della cooperativa d’accoglienza per motivi legati alla sua visione della religione islamica. Già nel 2011 nei suoi confronti erano stati emessi due decreti di espulsione, ma era sempre riuscito a sottrarsi all’esecuzione degli stessi.

Strage a Barcellona: il racconto di una famiglia vibonese in vacanza