Con la pistola a gas in Tribunale a Vibo, bloccato all’ingresso

Un 60enne di Pizzoni bloccato dagli agenti di due istituti di vigilanza grazie al metal detector

Un 60enne di Pizzoni bloccato dagli agenti di due istituti di vigilanza grazie al metal detector

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Tenta di entrare in Tribunale a Vibo Valentia con addosso una pistola ma viene bloccato dal sistema di allarme e dagli agenti degli istituti di vigilanza che presidiano l’ingresso del palazzo di giustizia. L’arma – una pistola sportiva a gas – è stata trovata in possesso di un 60enne di Pizzoni, centro delle Preserre vibonesi. Interrogato dagli agenti di polizia, l’uomo ha spiegato di aver portato con sé l’arma per legittima difesa. Una tesi ora al vaglio della Procura.

Informazione pubblicitaria

Un ringraziamento ai due addetti “al servizio di vigilanza del Tribunale di Vibo Valentia per il servizio altamente professionale e qualificato che prestano quotidianamente e in particolar modo per aver impedito l’accesso ad una persona con addosso un’arma” è stata espressa da Nicolino De Sibio, coordinatore Cisl settore Giustizia per le province di Catanzaro, Crotone e Vibo, nonché vice coordinatore regionale Cisl Giustizia. “Anche se si tratta di un’arma  a gas – dichiara – avrebbe rischiato di ferire qualche dipendente o qualche utente degli uffici giudiziari. Ciò significa che, in ogni periodo dell’anno, anche nei mesi estivi, vi è il rischio concreto e reale che possano verificarsi episodi anomali. Auspico non accadano mai più episodi simili e, comunque, colgo l’occasione per chiedere agli addetti al servizio di vigilanza, di non abbassare la guardia, ringraziandoli ancora – conclude De Sibio – per il servizio prestato”.