Rinascita-Scott: l’imprenditore Delfino passa ai domiciliari

E’ accusato di aver messo a disposizione del boss di San Gregorio d’Ippona il suo gruppo imprenditoriale
E’ accusato di aver messo a disposizione del boss di San Gregorio d’Ippona il suo gruppo imprenditoriale
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria
Antonino Delfino

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro, decidendo in sede di appello avverso la decisione del gip distrettuale, Barbara Saccà, ha concesso gli arresti domiciliari all’imprenditore Antonino Delfino, 46 anni, originario di Reggio Calabria, residente a Roma, difeso dagli avvocati Andrea Alvaro e Domenico Alvaro. L’imprenditore era stato arrestato nel dicembre scorso con l’accusa di partecipazione ad associazione mafiosa, riciclaggio ed intestazione fittizia, reati aggravati dalla finalità di agevolare la consorteria mafiosa capeggiata da Saverio Razionale, ritenuto il boss di San Gregorio d’Ippona. Proprio Razionale, secondo l’accusa, sarebbe stato socio occulto nelle attività imprenditoriali romane del Delfino, al quale avrebbe corrisposto importanti risorse economiche al fine di sviluppare il business della produzione di calzature. All’esito del giudizio di Riesame ed in accoglimento dell’impugnazione interposta dai difensori, l’imputazione di partecipazione all’associazione mafiosa era stata riqualificata in concorso esterno in associazione mafiosa ma nei confronti del Delfino, anche in ragione dei suoi precedenti penali, era stata mantenuta la massima misura custodiale.

Nel mese di marzo scorso, quindi, gli avvocati Alvaro avevano presentato un’istanza di scarcerazione al gip il quale l’aveva dichiarata inammissibile, ritenendola una mera riproposizione degli argomenti già valutati. I difensori avevano, pertanto, interposto appello al Tribunale del Riesame di Catanzaro, il quale ha ora ritenuto fondata l’istanza concedendo gli arresti domiciliari. Secondo l’accusa, Antonino Delfino avrebbe messo a disposizione di Saverio Razionale il suo gruppo imprenditoriale al fine di promuovere investimenti con denaro di natura illecita, anche attraverso conti correnti esteri per l’esecuzione di operazioni finanziarie.

LEGGI ANCHE: “Rinascita”: il clan di San Gregorio d’Ippona, ruoli e gerarchie

Informazione pubblicitaria