Vallelonga, scoperta e distrutta piantagione di marijuana

I carabinieri sono risaliti alla coltivazione dopo aver fermato un cittadino marocchino con 25 grammi di foglie di cannabis in tasca. Le piante avrebbero fruttato circa 30mila euro
I carabinieri sono risaliti alla coltivazione dopo aver fermato un cittadino marocchino con 25 grammi di foglie di cannabis in tasca. Le piante avrebbero fruttato circa 30mila euro
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Stazione di Vazzano e di San Nicola da Crissa, nel corso di un servizio di controllo del territorio, hanno intercettato un cittadino marocchino in transito sulla Sp 53 e, sottoponendolo a perquisizione, hanno trovato, in una tasca dei pantaloni, 25 grammi di foglie verdi di cannabis indica. Da un successivo rastrellamento della zona, i carabinieri hanno poi rinvenuto una piantagione di circa 50 piante di canapa indiana, allocata su due terrazzamenti. Le piante, di un’altezza variabile tra i 50 e i 230 cm, crescevano tra la fitta vegetazione alimentate da un impianto d’irrigazione “a goccia” collegato ad un serbatoio. La coltivazione illecita avrebbe avuto un valore potenziale sul mercato di circa 30.000 euro all’ingrosso. Tutte le piante, su disposizione dell’autorità giudiziaria, sono state distrutte previo campionamento.

Informazione pubblicitaria