Assenteismo al distretto di Serra San Bruno, annullato provvedimento disciplinare

Per il giudice del lavoro la condotta della dirigente Maria Abronzino era legata all’espletamento delle prestazioni mediche e, anzi, la stessa ha maturato un credito orario
Per il giudice del lavoro la condotta della dirigente Maria Abronzino era legata all’espletamento delle prestazioni mediche e, anzi, la stessa ha maturato un credito orario
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

Il Giudice del lavoro del Tribunale di Vibo Valentia, Ilario Nasso, in accoglimento del ricorso presentato dall’avvocato Giuseppe Pitaro nell’interesse della dirigente medica della struttura Tutela degli anziani e dei disabili Maria Abronzino, ha annullato la sanzione irrogata dall’Asp di Vibo alla propria dirigente in relazione alle presunte erronee timbrature al distretto sanitario di Serra San Bruno. Sanzione consistente nella sospensione per trenta giorni dalla funzione e dallo stipendio.

Il giudice ha ritenuto non provate le contestazioni mosse nei confronti della Abronzino riconoscendo come la stessa si recasse fuori dal suo ufficio per ragioni riconducibili all’espletamento della prestazione e come, in realtà, sussistesse anche un credito orario in suo favore. È scritto nell’ordinanza: «L’eco mediatica della vicenda, l’irreprensibilità della pregressa condotta lavorativa della dipendente, e la nitidezza delle ragioni d’illegittimità dell’atto impugnato convergono nel senso della compromissione di valori, quali la reputazione (non soltanto endolavorativa) della prestatrice e la sua integrità psicofisica, difficilmente ristorabili per equivalente».