Tribunale di Vibo: sei magistrati lasceranno il palazzo di giustizia

Hanno tutti ottenuto il placet del Csm per il trasferimento in altre sedi. Sino ad aprile 2018 non arriveranno nuovi togati

Hanno tutti ottenuto il placet del Csm per il trasferimento in altre sedi. Sino ad aprile 2018 non arriveranno nuovi togati

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Lasceranno presto il palazzo di giustizia vibonese sei magistrati giunti a Vibo Valentia fra le fine del 2013 ed il 2014. Si tratta di magistrati arrivati a Vibo come prima nomina e che hanno assunto con il passare dei mesi, e quindi degli anni, un ruolo importante nell’amministrazione della giustizia. Hanno tutti ottenuto il trasferimento ad altra sede con il placet del Consiglio Superiore della Magistratura. Si tratta di Lorenzo Barracco (attualmente gip ed in passato prima giudice a latere del Tribunale collegiale e poi presidente del Collegio) destinato a Velletri, della pugliese Vincenza Papagno, che sta presiedendo il Tribunale collegiale portando a termine importanti e delicati processi, la quale tornerà nel Tribunale di Milano dove ha già svolto la prima formazione, Emanuela Rizzi, giudice del civile (anche lei trasferita a Milano), Valentina Di Leo (che guida attualmente la sezione Fallimentare del Tribunale di Vibo), destinata alla sezione Lavoro del Tribunale di Foggia, e Giuseppe Di Leone, giudice del settore civile, che prenderà servizio ad Aversa. Giuseppe Cardona, infine, dal settore civile del Tribunale di Vibo ha ottenuto il trasferimento al Tribunale di Locri.

Informazione pubblicitaria

I sei togati lasceranno il Tribunale di Vibo Valentia nel mese di gennaio. I nuovi magistrati destinati al palazzo di giustizia arriveranno non prima di aprile 2018. Il Tribunale di Vibo, quindi, per alcuni mesi ritornerà a soffrire la carenza di giudici come già in un recente passato. Attualmente la situazione più critica si registra nella sezione Lavoro del Tribunale (senza dubbio il settore più importante per qualsiasi palazzo di giustizia) dove due soli magistrati sono chiamati a smaltire migliaia di cause.

Con il trasferimento dei giudici Vincenza Papagno e Lorenzo Barracco (ed il paventato spostamento al settore civile del giudice Pia Sordetti, attualmente al penale) le criticità per il 2018 si ripresenteranno però anche nel settore penale. I nuovi magistrati destinati a Vibo Valentia, infatti, se di prima nomina, non potranno presiedere il Tribunale se non dopo un determinato lasso di tempo, oltre a restare vacante per alcuni mesi un posto di giudice per le indagini e le udienze preliminari.

Nonostante la giovane età, il trasferimento dei sei magistrati dal Tribunale di Vibo farà perdere all’amministrazione della giustizia vibonese dei giudici preparati e che hanno dimostrato sul “campo” ogni giorno il loro valore. Soprattutto nel settore penale (ma stesso discorso per molti versi si potrebbe fare pure per il civile) i magistrati che lasceranno Vibo hanno dimostrato indipendenza ed autorevolezza, in un periodo di transizione non facile per il Tribunale vibonese.