Operazione “Robin Hood”, torna in libertà Gianfranco Ferrante

L’imprenditore di Vibo Valentia è accusato di estorsione nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Catanzaro

L’imprenditore di Vibo Valentia è accusato di estorsione nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Catanzaro

Informazione pubblicitaria

Il Tribunale della Libertà di Catanzaro (presiedente Valea) in accoglimento di un’istanza degli avvocati Francesco Sabatino e Anselmo Torchia ha revocato gli arresti domiciliari rimettendo in totale libertà l’imprenditore di Vibo Valentia Gianfranco Ferrante.

Lo stesso è stato arrestato nel febbraio scorso nell’ambito dell’operazione della Dda di Catanzaro, denominata “Robin Hood” con l’accusa di estorsione ai danni del dirigente della Regione Calabria (Dipartimento Lavoro) Bruno Calvetta. Nella stessa operazione coinvolto l’ex consigliere regionale Forza Italia Nazzareno Salerno anche lui rimesso in libertà nei giorni scorsi.

LEGGI ANCHE:

‘Ndrangheta: inchiesta “Robin Hood”, Ferrante passa ai domiciliari

Inchiesta “Robin Hood”, il pentito Moscato svela i rapporti di Ferrante coi boss (VIDEO)