Discarica abusiva a Mileto: il gip convalida il sequestro

I carabinieri dell’aliquota “Ambiente” della sezione di pg coordinati dalla Procura di Vibo hanno portato alla luce gravi violazioni ambientali

I carabinieri dell’aliquota “Ambiente” della sezione di pg coordinati dalla Procura di Vibo hanno portato alla luce gravi violazioni ambientali

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

E’ stato convalidato dal gip del Tribunale di Vibo Valentia, Lorenzo Barracco, il sequestro preventivo del centro di stoccaggio di Mileto, a cui i carabinieri della sezione di polizia giudiziaria, aliquota “Ambiente”, della Procura di Vibo Valentia nelle scorse settimane hanno apposto i sigilli in quello che doveva essere un Centro di stoccaggio dei rifiuti sito a cavallo fra Comparni e San Giovanni di Mileto e più precisamente nell’ex cimitero di Comparni. 

Informazione pubblicitaria

Un’area finita al centro di un’inchiesta coordinata dalla Procura vibonese diretta dal procuratore capo, Bruno Giordano, sempre attento ai reati di natura ambientale, e dal pm Filomena Aliberti, sostituto procuratore che ha coordinato l’indagine.

Resta indagato per il reato di “deposito incontrollato di rifiuti”, discarica non autorizzata e violazioni di natura penale del testo unico ambientale, il responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Mileto.

Anche dal provvedimento del gip si evince che in quello che doveva essere un centro di stoccaggio, i rifiuti sono stati ammassati in maniera incontrollata e dati alle fiamme. All’interno degli uffici del Comune di Mileto, inoltre, i carabinieri non hanno trovato alcun atto autorizzativo della destinazione dell’area dell’ex cimitero a punto di stoccaggio. 

 

Area di stoccaggio rifiuti in fiamme nel Vibonese, indagano i carabinieri

Mileto, sequestrato il Centro di stoccaggio tra Comparni e San Giovanni