Carenza idrica a Mongiana, il Comune chiede lo stato di calamità naturale

Preoccupa il livello di riempimento dei serbatoi comunali che non riescono a soddisfare il fabbisogno della popolazione. Chiesto alla Protezione civile regionale l’invio di autobotti

Preoccupa il livello di riempimento dei serbatoi comunali che non riescono a soddisfare il fabbisogno della popolazione. Chiesto alla Protezione civile regionale l’invio di autobotti

Informazione pubblicitaria
Un acquedotto comunale a Mongiana
Informazione pubblicitaria

Personale del Comune di Mongiana e volontari del Gruppo comunale di Protezione civile hanno effettuato, questa mattina, vari sopralluoghi negli acquedotti comunali. Gli stessi al momento, si apprende all’esito delle ispezioni, non riescono a soddisfare il fabbisogno idrico comunale a causa della grave carenza di acqua. Pertanto una richiesta è stata inviata alla Protezione civile Calabria per l’invio a Mongiana di una o più autobotti per sopperire temporaneamente all’emergenza idrica e scongiurare il rischio di un’emergenza sociosanitaria. 

Informazione pubblicitaria

Nel frattempo il Comune ha richiesto alla Regione Calabria il riconoscimento dello stato di calamità naturale ed è stato attivato il Centro operativo comunale. Tutti i volontari della Protezione civile di Mongiana sono stati allertati e saranno a disposizione della popolazione nel momento in cui verrà autorizzato l’invio dell’autobotte. Domani mattina, alle 7.30, verrà aperta la mandata dell’acqua dal serbatoio “Cimitero” e, se necessario, verrà nuovamente chiusa per consentire il riempimento dei serbatoi

 

Quindi l’invito alla cittadinanza ad «essere pazienti e comprendere il grave sforzo che gli amministratori, l’ufficio tecnico, la protezione civile e tutti i soggetti coinvolti stanno compiendo per risolvere il problema il prima possibile nell’interesse della nostra comunità».