Briatico: rubata la corona della statua dell’Immacolata, patrona del paese

Scoppia l’indignazione tra i fedeli. L'episodio nella Chiesa del Carmine. Preoccupa l'escalation di furti avvenuti nelle scorse settimane in diverse abitazioni

Scoppia l’indignazione tra i fedeli. L'episodio nella Chiesa del Carmine. Preoccupa l'escalation di furti avvenuti nelle scorse settimane in diverse abitazioni

Informazione pubblicitaria
La statua dell'Immacolata a Briatico
Informazione pubblicitaria

Ha suscitato un’ondata di indignazione il furto della corona della statua della Madonna Immacolata a Briatico. Ignoti si sarebbero introdotti all’interno della Chiesa del Carmine, dove la statua è custodita, per poi sottrarre il diadema (costituito da materiale metallico verniciato oro con perle). L’effige, infatti, è momentaneamente lì collocata in attesa della conclusione dei lavori di restauro nella chiesa madre. Il sacrilego gesto ha trovato la ferma condanna da parte dell’intera comunità, legata da un sentimento di protezione e affetto nei confronti della preziosa effige seicentesca.

Informazione pubblicitaria

La fede nei confronti della compatrona (altro santo venerato è San Nicola) è radicata e parte integrante della cittadina di mare. Di più. E’ viva testimonianza della sua rinascita a seguito dei terremoti che devastarono l’area nel 1783 (Briatico venne edificata in un luogo diverso dal nucleo originario, distrutto dal sisma).

La notizia, diffusa tra i fedeli e divenuta in poco tempo virale, ha scatenato commenti contrastanti. Al centro, il problema sicurezza messo in discussione per via dei furti che, anche nelle ultime settimane, hanno interessato più abitazioni del paese e delle frazioni.

Sull’episodio si è espresso il sindaco Andrea Niglia che, nel rassicurare la comunità ha commentato: «Come amministrazione ci sentiamo indignati per il vile atto. Ringraziamo le forze dell’ordine per l’impegno profuso, in particolare il neo comandante della stazione di Briatico, maresciallo Rigaglia, e ci auguriamo che presto venga fatta luce sulla vicenda».