Omicidio a Sorianello, 27enne ucciso con un fendente all’addome

Il fatto avvenuto intorno alle 18 lungo la Ss 182. Indagini dei carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno

Il fatto avvenuto intorno alle 18 lungo la Ss 182. Indagini dei carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Omicidio a Sorianello, nelle Preserre vibonesi. Un 27enne, Bruno Lazzaro (foto in basso), è morto dopo essere stato colpito da un fendente all’addome mentre si trovava lungo la Ss 182. Il decesso del giovane è avvenuto in ospedale a Vibo Valentia.

Informazione pubblicitaria

Il fatto è avvenuto intorno alle 18 di questa sera. Sono in corso indagini avviate dai carabinieri della Compagnia di Serra San Bruno. Il giovane era nipote di Salvatore Inzillo, ucciso nel giugno scorso a Sorianello e ritenuto vicino al clan degli Emanuele. Bruno Lazzaro era anche cugino di Salvatore Lazzaro, il 23enne ucciso il 12 aprile 2013 a colpi di fucile mentre si trovava agli arresti domiciliari nella sua abitazione di località “Fago Savini” di Sorianello. 

Ancora presto per dire se il fatto di sangue vada inquadrato nella ripresa delle ostilità fra i clan Emanuele e Loielo che da anni insaguina le Preserre vibonesi. 

SEGUONO AGGIORNAMENTI

Per la ricostruzione dei fatti di sangue nelle Preserre LEGGI QUI: 

Ndrangheta: l’autobomba per Ciconte e le dinamiche criminali delle Preserre vibonesi