lunedì,Settembre 27 2021

Imponimento, il M5s: «Mangialavori faccia chiarezza sui rapporti con gli Anello»

I componenti pentastellati della Commissione parlamentare Antimafia chiedono al senatore di Forza Italia di «valutare un passo indietro alla luce di quanto emerso nell’inchiesta»

Imponimento, il M5s: «Mangialavori faccia chiarezza sui rapporti con gli Anello»

«Essere in commissione Antimafia e trovarsi sulla stampa accostato ad una cosca criminale. Data la delicatezza dell’incarico, su questo stridente controsenso dovrebbe dare spiegazioni il senatore Giuseppe Mangialavori». A domandare risposte «tempestive ed efficaci» sono i componenti del MoVimento 5 Stelle in Commissione Antimafia.
«Il quadro riportato dalle intercettazioni è impressionante – osservano i pentastellati – perché accostano un futuro senatore della Repubblica ad un uomo accusato di appartenere al clan Anello. Dagli atti dell’inchiesta emergerebbe un contatto diretto tra Mangialavori e Giovanni Anello, poi arrestato con 12 capi di imputazione, ritenuto dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Catanzaro tra i sostenitori più certi del boss Rocco Anello. I magistrati ritengono inoltre che Mangialavori conoscesse il legame tra Anello e Francescantonio Tedesco, nel momento in cui instaurava con quest’ultimo contatti segreti ancor prima delle elezioni del 2018».
I pentastellati invocano pertanto chiarezza: «Mangialavori non risulta indagato nell’inchiesta, ma in assenza di tempestive e dirimenti spiegazioni, dovrebbe valutare seriamente di fare un passo indietro che ponga al riparo da ombre la stessa Commissione bicamerale».

‘Ndrangheta: inchiesta antimafia Imponimento, la Dda chiede il processo per 147 indagati

top