Viabilità al collasso, il sindaco di Cessaniti scrive ai neo parlamentari del Vibonese

Il primo cittadino Francesco Mazzeo si rivolge ai deputati Dalila Nesci e Antonio Viscomi e al senatore Giuseppe Mangialavori e spiega: «Si tratta di salvaguardare la pubblica incolumità»

Il primo cittadino Francesco Mazzeo si rivolge ai deputati Dalila Nesci e Antonio Viscomi e al senatore Giuseppe Mangialavori e spiega: «Si tratta di salvaguardare la pubblica incolumità»

Informazione pubblicitaria
Disagi sulla provinciale per Cessaniti

Una nuova fase politica si è delineata con le elezioni appena trascorse. Le vecchie questioni irrisolte, per i paesi, sono rimaste ferme. In questo contesto il sindaco di Cessaniti Francesco Mazzeo ha scritto una lettera aperta alla deputazione vibonese composta dal senatore Giuseppe Mangialavori (centrodestra), dall’onorevole Dalila Nesci (Movimento 5 stelle) e dall’onorevole Antonio Viscomi (centrosinistra). A loro, rivolto l’augurio di buon lavoro «convinto che questa rinnovata rappresentanza parlamentare potrà e dovrà contribuire al rilancio del nostro territorio».

Dall’occupazione, all’ambiente passando per il rilancio dell’economia. Saranno tanti i temi su cui il primo cittadino intende avviare «un confronto sinergico e costruttivo, al fine di affrontare concretamente i problemi che oramai attanagliano da troppi anni il territorio che mi onoro di rappresentare ed amministrare». Tra le questioni di maggior rilevanza, la catastrofica situazione in cui, ormai da tempo, versa la viabilità anche nel Cessanitese: «Purtroppo – ha specificato- il mio Comune è attraversato da ben 6 strade provinciali – Sp 11-80-82-84- 86-87 – tutte impraticabili, dove l’esigua manutenzione viene derogata agli sforzi del Comune. In particolar modo, mi urge evidenziare, lo status quo delle frazioni San Marco e San Cono, dove entrare ed uscire da questi paesi è diventato pericoloso sia per i residenti, sia per i mezzi di soccorso, finanche risulta azzardato far arrivare lo scuolabus».

A ciò s’aggiunge «l’ordinanza della Provincia di Vibo Valentia, con la quale è stata chiusa al traffico la provinciale 87 che da San Cono porta fino a Briatico, aggravando la già precaria viabilità di quel territorio». Un rischio isolamento concreto: «Ormai non si tratta più di evitare i danni quotidiani agli automezzi che transitano su queste strade, adesso si tratta di incolumità pubblica e della salute dei cittadini» ha continuato Mazzeo precisando:«Da quando sono stato eletto sindaco, ho più volte sollecitato tutti gli enti preposti, Ministero delle Infrastrutture, Regione Calabria, Provincia di Vibo Valentia, Prefettura, Procura e Questura nella speranza che qualcuno possa in qualsiasi modo, trovare una soluzione a questo problema, ma fino ad oggi nulla si è mosso, anzi la situazione si è ancor più aggravata». Da qui l’invito ai tre esponenti politici «a recarvi a Cessaniti per rendervi conto di persona della reale gravità di quanto vi ho appena circostanziato».

LEGGI ANCHE:

Ancora frane nel Vibonese, chiusa la provinciale tra Cessaniti e San Marco

Danni all’impianto fognario, disagi sulla Provinciale Favelloni-Cessaniti