Carattere

Il maestro di fama internazionale Mario Stefano Pietrodarchi, accompagnato dal quintetto d’archi della Royal academy di Londra, si esibirà su iniziativa del Circolo dipendenti dell’Azienda sanitaria provinciale  

La conferenza stampa del Cdasp
Cultura

Si è tenuta nella sede del Circolo dipendenti dell’Azienda sanitaria provinciale di Vibo Valentia la conferenza stampa per presentare il concerto “Da Roma a Buenos Aires” che il Cdasp ha organizzato in condivisione con l’associazione “Come te - La casa di Anna”, per domenica 20 maggio 2018 alle 20.30 nello Show room Opel di Vibo Valentia. Alla conferenza stampa, moderata dal giornalista Maurizio Bonanno, erano presenti il presidente Neno Fedele, il direttore artistico Pino Pugliese, il presidente dell’associazione “Come te” Nadia Paura con la coordinatrice del Centro diurno Anna Maria Lo Gatto e Mario Stefano Pietrodarchi

Dopo l’evento dello scorso anno che ha visto come protagonista il maestro Geoff Westley, il Cdasp è riuscito a coinvolgere altri artisti di spessore internazionale. Quest’anno è la volta del maestro Mario Stefano Pietrodarchi (fisarmonica e bandoneon) che ha riscosso successi in giro per il mondo al fianco di orchestre quali Sinfonica abruzzese, Filarmonica marchigiana, Armenian state chamber orchestra, Orchestra slesiana (Polonia), Bielorussian state chamber orchestra, e altre ancora.

Pietrodarchi sarà accompagnato in questo viaggio dal quintetto d’archi della Royal academy di Londra composto da: Naori Takahashi (1 violino), Anthony Poon (2 violino), Dominika Rembowska (viola), Annabelle Oomens (violoncello), Will Henderson (contrabbasso). Ospite d’onore il maestro Sergio Coniglio. Da Roma a Buenos Aires è un viaggio musicale affascinante che ci permetterà di ripercorrere il cammino degli immigrati italiani della prima metà del ‘900. «L’obiettivo è quello di contribuire a far crescere, attraverso l’organizzazione di eventi musicali di qualità,  il territorio vibonese» ha dichiarato Pino Pugliese.

Il programma del concerto. Il primo brano sarà un omaggio ad Ennio Morricone, il secondo un brano di Di Marino (Concerto per bandoneon e orchestra) per poi passare ad Astor Piazzolla (Oblivion, Adios Nonino, Milonga del Angel, La Muerte del Angel, Violentango). Infine Sergio Coniglio con un’introduzione di solo piano per poi proseguire con i brani di Piovani e Bacalov.

 

In evidenza

Seguici su Facebook