Premio Filangieri al capo della Polizia Gabrielli: «A Vibo lo Stato è presente» (VIDEO)

Al prefetto e direttore della Pubblica sicurezza conferito il riconoscimento giunto alla sesta edizione per “L'esempio di serietà, dedizione ed abnegazione dato alle future generazioni”

Al prefetto e direttore della Pubblica sicurezza conferito il riconoscimento giunto alla sesta edizione per “L'esempio di serietà, dedizione ed abnegazione dato alle future generazioni”

Informazione pubblicitaria
Il capo della Polizia Gabrielli al Filangieri
Informazione pubblicitaria

Il capo della Polizia Franco Gabrielli è stato insignito del premio Convitto Gaetano Filangeri giunto alla sesta edizione. “Per l’esempio di serietà dedizione e abnegazione dato alle future generazioni e per avere fattivamente contribuito a diffondere e a rafforzare i sani e inderogabili principi di legalità, grazie al rispetto dei quali si elevano le basi della convivenza civile e si  rafforzano le istituzioni democratiche”, così si legge nella motivazione pronunciata dal rettore del Convitto Nazionale di Vibo Valentia Alberto Capria.  

Informazione pubblicitaria

Gabrielli, giunto in città poco prima delle 11 è stato accolto dalle massime autorità civili, militari e religiose del territorio. A fare da cornice all’evento la mostra fotografica che ripercorre la storia dell’Italia immortalando i volti di uomini e donne che hanno pagato con la vita  la difesa della libertà. A margine della consegna del premio il capo della Polizia si è soffermato sui recenti fatti di Limbadi, con l’autobomba del 9 aprile scorso che ha provocalo la morte di Matteo Vinci e il ferimento di suo padre Francesco. «Lo Stato c’è – ha ribadito pur non nascondendo le difficoltà del momento – la nostra attenzione è massima, le operazioni di polizia che si succedono sono al dimostrazione di quanto lo Stato sia presente». Rispondendo alle domande dei giornalisti il capo della Polizia si è anche soffermato sull’emergenza tendopoli di San Ferdinando. «Bisogna agire dando risposte tempestive – ha detto -, credo che la vicenda della baraccopoli sia una delle situazioni più negative che una società civile e democratica possa vivere». Sul rafforzamento delle forze dell’ordine ha risposto: «Credo che questa si ala Regione con la presenza più significativa di militari, lo dimostrano la presenza di 3 Reparti di prevenzione crimine. L’attenzione è massima – ha ribadito il prefetto – anche se scontiamo gli effetti del blocco del turn over». Un ringraziamento lo ha rivolto «alle forze dell’ordine che in questo territorio profondono uno sforzo importante. Basterebbe leggere i giornali per renderci conto di quanto ogni giorno i nostri uomini producono». 

Un passaggio lo ha anche riservato alla Scuola allievi agenti di Polizia di Vibo «unica del sud Italia, ciò  dimostra che è nostra intenzione che la scuola permanga e se possibile sia rafforzata perché da qui a 10 anni saranno dismesse 40 mila unità e noi avremo bisogno di scuole grandi ed efficienti, come quella di Vibo Valentia». Infine un pensiero ai giovani: «Sono per un verso la nostra speranza, ma possono diventare la nostra dannazione. Speranza perché riponiamo in loro le nostre aspettative anche se purtroppo – ha ammesso – non hanno avuto buoni  maestri. Dannazione perché nel momento in cui questi ragazzi non dovessero raccoglie un testimone solido, sarebbe la fine di ogni speranza».