“La prevenzione non va in vacanza”, Uici Vibo in campo per la salute degli occhi

A San Nicola da Crissa l’ultima tappa dell’iniziativa di sensibilizzazione promossa dall’Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità Iapb 

A San Nicola da Crissa l’ultima tappa dell’iniziativa di sensibilizzazione promossa dall’Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità Iapb 

Informazione pubblicitaria

«L’estate viene normalmente associata alla spensieratezza vacanziera ed il sole, il mare, il vento che scompiglia i capelli, la soffice e calda sabbia, fanno pensare al bello della stagione tradizionalmente dedicata al relax. Ebbene, anche il sole, l’acqua del mare, il vento, la sabbia, possono rappresentare delle insidie per i nostri occhi; ecco perché l’Agenzia Internazionale per la prevenzione della cecità (Iapb Italia Onlus) ha lanciato il progetto “La prevenzione non va in vacanza”. Lo ha fatto in 30 luoghi diversi dello Stivale, tra cui la provincia di Vibo Valentia». È quanto si legge in un comunicato stampa diffuso da Iapb e Uici in relazione all’evento ospitato nei giorni scorsi a San Nicola da Crissa e alle altre iniziative di sensibilizzazione sul tema in questione.

«Riferimento territoriale per la realizzazione del programma l’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti, che ha elaborato per il Vibonese un piano di sensibilizzazione rivelatosi vincente. Lo start dell’iniziativa è stato dato il 25 giugno, con la messa in onda di uno spot televisivo e radiofonico dai ritmi coinvolgenti. In luglio, si è aggiunta la distribuzione sulle spiagge e, più in generale, nei luoghi di vacanza, di ben 1000 opuscoli sul tema della protezione dai raggi solari, dell’assunzione di acqua a sufficienza e di cibi adeguati, la regolare pratica sportiva. Quale iniziativa collaterale, la “Reggi i raggi pink band” (Trio canoro tutto al femminile), indossando la maglietta divulgativa realizzata per l’iniziativa, ha fatto animazione canora e di genere vario presso due residence molto noti e frequentati della costa e nel verde paesaggio di San Nicola da Crissa, diffondendo lo spot ed omaggiando il pubblico con le magliette e gli opuscoli, nonché riservando anche dei piccoli spazi a medici oculisti nostri incaricati e dirigenti Uici, affinché lanciassero altri messaggi». 

Ad aprire e a chiudere il progetto, durato circa un mese, «la partecipazione al programma di Radio Onda Verde “Ore 11” ed a quello di LaC Tv “LaC Salute”. Per non farsi mancare nulla, l’Uici di Vibo ha voluto arricchire il messaggio di prevenzione con una giornata di festa, realizzata a San Nicola da Crissa, dove «grazie anche alla disponibilità dell’amministrazione comunale guidata dal  sindaco Giuseppe Condello, è stato possibile chiudere l’anno sociale con un pranzo tipico e la “Reggi i raggi pink band” ad animare ogni momento, insieme a soci, volontari ed amici». La tappa finale ha toccato anche Serra San Bruno dove è stata visitata la chiesa barocca di Maria santissima dei sette dolori, «illustrata in modo speciale da Vincenzo Vavalà, che ha trasformato la sua sindrome di Down in un mezzo per dimostrare che “volere è potere”».