Pro loco, a Vibo gli stati generali del servizio civile Unpli – Video

Le associazioni di promozione turistica calabresi si sono ritrovate in città per una convention incentrata sul fondamentale contributo offerto dai volontari

Le associazioni di promozione turistica calabresi si sono ritrovate in città per una convention incentrata sul fondamentale contributo offerto dai volontari

Informazione pubblicitaria
La convention delle Pro loco a Vibo
Informazione pubblicitaria

Una sala gremita di giovani calabresi ha dato l’avvio ai lavori della prima convention del servizio civile Unpli Calabria tenutasi sabato 12 gennaio nell’Hotel 501 di Vibo Valentia. Un appuntamento voluto dal responsabile regionale del settore, Pasquale Ciurleo, a conclusione dell’anno del servizio civile 2018 che ha visto coinvolti più di 200 volontari sparsi in tutto il territorio calabrese. Alla presenza del prefetto Giuseppe Gualtieri e del vescovo Luigi Renzo, la convention ha visto coinvolti anche i dirigenti delle Pro loco calabresi, dal presidente regionale dell’Unpli Filippo Capellupo, al padrone di casa presidente dell’Unpli Vibo Valentia Giuseppe Maiuli, ai presidenti delle altre province calabresi: per Reggio Calabria Pina Ierace, per Cosenza Antonello Grosso La Valle, per Catanzaro Vitaliano Marino e per Crotone il vicepresidente Unpli Calabria Giovanni Porcelli. Al centro dell’attenzione sono stati i volontari del Servizio civile nazionale che hanno prestato servizio nelle Pro loco calabresi nell’anno 2018 e «hanno dimostrato la loro preparazione nei lavori progettuali e nei compiti a loro assegnati. Durante la convention è stato proiettato un video promozionale realizzato da tutti i volontari che promuovono la Calabria nel patrimonio materiale ed immateriale che sarà inserito in tutti i canali multimediali nazionali ed internazionali che fanno vedere la Calabria nella sua vera anima». Secondo Ciurleo, responsabile regionale del settore e promotore dell’evento «obiettivo principale della convention è stato far conoscere il lavoro svolto dai volontari, giovani calabresi che hanno veramente dimostrato il loro attaccamento alla Terra di Calabria. Nello stesso momento, l’Unpli Calabria sta investendo moltissimo nella promozione del territorio calabrese e l’impegno nel coordinare centinaia di giovani in tutta la Regione è fondamentale per il futuro del settore turistico regionale. L’Unpli Calabria sta chiedendo a gran voce una legge regionale che possa incentivare la crescita delle uniche e vere associazioni di promozione turistica calabrese e deve tener conto che le Pro loco non solo sono associazioni di sagre, ma contribuiscono in maniera attiva e senza precedenti alla crescita anche economica e sociale della regione ormai diventate una realtà positiva per centinaia di giovani laureati e molto preparati». Continua il Presidente regionale Unpli Calabria Filippo Capellupo «sono orgoglioso del lavoro intrapreso ed essere circondato da centinaia di giovani riempie il mio cuore di gioia. Siamo sulla strada giusta e dobbiamo ancora di più concentrare le nostre forze per far crescere la Nostra Terra attraverso il buon senso ed il buon gusto. Le Pro loco aprono le porte ai giovani e li guidano attraverso passione e conoscenza». Durante la convention sono stati consegnati gli attestati di merito ai giovani volontari 2018 e sono state premiate le Pro loco con i lavori migliori: Siderno, Monterosso Calabro, Tropea, San Sosti e le Pro loco della Provincia di Crotone. I lavori sono terminati con il protocollo d’intesa siglato tra il comitato regionale delle Pro loco Unpli ed il Museo Artemisia di San Sosti (Cs), ricadente nell’area del Pollino.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHEVibo, tutto pronto per il Gran Galà delle Pro loco