Giornata della Memoria, Stefanaconi non dimentica la tragedia dell’Olocausto

Alla biblioteca comunale tanti i momenti di riflessione alla presenza fra gli altri del sindaco e del prefetto

Alla biblioteca comunale tanti i momenti di riflessione alla presenza fra gli altri del sindaco e del prefetto

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

“Come una rana d’inverno nel mare nero dell’indifferenza”. Questo il titolo scelto dall’amministrazione comunale di Stefanaconi per la Giornata della Memoria. La biblioteca comunale, ormai crocevia di numerosi ed interessanti eventi culturali, anche quest’anno ha voluto ricordare la grande tragedia dell’Olocausto. Una giornata a tema, dove si sono alternati momenti musicali della band del maestro Dino Camillò, con profondi momenti di riflessione. Apprezzabile la mostra permanente di opere d’arte realizzate da Maria Vignarolo. Un altro momento sentito ed emozionante si è registrato con la consegna da parte dei bambini della scuola elementare di disegni e pensieri sulla Shoa al prefetto di Vibo Valentia Giuseppe Gualtieri. A lui il saluto del sindaco, nonché presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano il quale nel suo intervento ha inteso sottolineare come “non bisogna girarsi dall’altro lato quando vengono violati dei diritti, perché altrimenti l’indifferenza potrebbe prendere il sopravvento e diventare disprezzo per le leggi e le persone, con il reale rischio che la sua degenerazione si trasformi in tragedie umane”. Davvero toccanti i momenti di riflessione di Maria Joel Conocchiella, referente di Libera, e Merilia Ciconte, scrittrice, che hanno offerto alla platea dei presenti la triste idea di ciò che è stato l’Olocausto. Pippo Prestia e Anna Alfano hanno invece omaggiato i presenti con delle toccanti poesie. Merito alla Promotors Aps, associazione che gestisce da oltre un anno la biblioteca, per il servizio che offre quotidianamente alla comunità e per la collaborazione nell’organizzazione dell’evento, magistralmente condotto dal suo presidente Vincenzo Neri. Per l’organizzazione della manifestazione, preziosa si è rivelata infine la collaborazione della presidente del comitato Fior di Loto, Sonia Demurtas. 

Informazione pubblicitaria