Successo a Vibo per il corso di formazione della Camera Minorile

Al centro dell’evento il diritto dei minori, delle relazioni familiari e delle persone. Presenti all’incontro giudici ed avvocati

Al centro dell’evento il diritto dei minori, delle relazioni familiari e delle persone. Presenti all’incontro giudici ed avvocati

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La Camera Minorile di Vibo Valentia “Oblata Lina Figliano” ha presentato il suo primo corso di formazione dal titolo “Diritto dei Minori, delle Relazioni Familiari e delle Persone”, rivolto ai professionisti che operano a vario titolo nelle discipline giuridiche, mediche, psicologiche e sociali, occupandosi di minori e delle famiglie. L’incontro si è tenuto alla biblioteca del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Vibo Valentia, da quest’ultimo patrocinato.  

Informazione pubblicitaria

Sono intervenuti in qualità di relatore la dott.ssa Teresa Chiodo, presidente del Tribunale per i minorenni di Catanzaro, con una lezione sulla volontaria giurisdizione (Modelli processuali e procedimentali). Ha presentato il corso l’avvocato Raffaele Figliano, presidente della Camera minorile di Vibo Valentia, intervenendo poi per i saluti, con compiacimento, il presidente dell’Ordine degli avvocati di Vibo Valentia, Giuseppe Altieri. Tra le autorità presenti, il giudice della famiglia e tutelare del Tribunale di Vibo Valentia, Gabriella Lupoli, la presidente della Camera Minorile distrettuale di Catanzaro, avvocato Rossana Greco, i giudici onorari del Tribunale per i Minorenni di Catanzaro, avvocati Talarico e Giordano, nonché il cofondatore dell’Unione nazionale delle Camere minorili, l’avvocato Angelo Polacco. Il presidente Raffaele Figliano ha chiarito che il corso è stato progettato in tre moduli: l’area civile, con sette moduli che spaziano dalla presentazione dei modelli contenziosi del processo (ordinario e camerale) alla relazionalità peculiare della volontaria giurisdizione; l’area penale, con tre moduli che permettono di entrare nel modello del processo penale minorile e della pedagogia processuale, che ne è il cuore; l’area psicosociale, con quattro moduli che permettono di collegare l’apporto al mondo del diritto e del processo delle scienze sociali e psicologiche, sino ad aprire alla logica mediativa, antitesi della dialettica processuale. La presentazione del corso, ha visto la partecipazione di tantissimi giuristi ed operatori del servizio sociale e psicologi. Le iscrizioni al corso hanno di gran lunga, superato i posti messi a disposizione dalla Camera Minorile di Vibo Valentia. Il responsabile scientifico, nonché segretario della Camera Minorile di Vibo Valentia, l’avvocato Luigi La Scala, ha quindi spiegato come “ricerca e formazione sono valori che derivano dalla consapevolezza che in questo settore del diritto, più che in altri, la specializzazione rappresenta una necessità ineludibile”. Tra gli organizzatori dell’evento, la tesoriera – avvocato Claudia Gioia – ed il Consiglio direttivo composto dal dott. Bruno Risoleo, dall’avvocato Nicolina Corigliano, dall’avvocato Giacinto Inzillo,  dall’avvocato Marica Seminara e dall’avvocato Ines De Caria, i quali all’unisono hanno dichiarato che: ”la Camera intende promuovere il confronto con tutte le professionalità che, a vario titolo, si occupano di minori e famiglie, nel contesto giuridico, psichiatrico e del servizio social), sul presupposto che l’approccio multidisciplinare ed il riconoscimento dei diversi ruoli possa condurre ad un accrescimento della qualità della difesa in favore dei minori e delle famiglie”.