Carattere

Il comune delle Preserre, insieme ai comuni di Paraloup e Varzi e alla Fondazione Revelli, ha dato vita ad un progetto mirato alla riscoperta di mestieri e vocazioni locali che vanno scomparendo.

Artigiani di Soriano all'opera
Cultura

La Fondazione “Nuto Revelli” di Cuneo e i Comuni di Paraloup (Cuneo), Varzi (Pavia) e Soriano Calabro hanno dato vita a un progetto di alto profilo economico e culturale denominato “Verso le pratiche del ritorno - fra memoria e futuro”, coordinato da Marco Revelli (presidente della fondazione) e Antonella Tarpino (presidente dell’associazione Rete del ritorno).

Il progetto ha come obiettivo di coniugare nuove formule di economia e antiche saggezze per tornare ad abitare le cosiddette Terre Alte. «C’è un’Italia del cambiamento - si legge in una nota -, sorprendentemente attiva nelle aree più fragili. Un’Italia che forse sta guarendo, imparando a far da sé. A ripensare un “ritorno” dopo anni di abbandono mettendo in comune le diverse esperienze».

I tre centri italiani saranno messi in rete tra loro, dividendo esperienze e progettualità e hanno l’obiettivo: di dare ruolo ai territori ad alto valore artistico e culturale in stato di abbandono; diffondere e contaminare il pensiero verso una cultura del territorio; valorizzare le vocazioni naturali e spontanee dei territori marginali; riscoprire risorse in ciò che può sembrare “perduto”; dare dignità al territorio nazionale.

Il progetto inoltre prevede la costituzione di vere e proprie “Scuole del Ritorno”, con uomini di cultura come Bruno Zanardi, Silvia Passerini, Alberto Saibene, Vito Teti e con tecnici, insegnanti e giovani che hanno scelto di tornare per formare “nuovi” contadini e artigiani a Paraloup, sulle montagne cuneesi, a Soriano Calabro nell’entroterra vibonese, a Milano.

Francesco Bartone, sindaco di Soriano Calabro, che ha molto lavorato a questo progetto, si è detto soddisfatto per l’avvio e la presentazione che avranno luogo a Milano, il 18 marzo, nell’ambito della Fiera “Milano fai la cosa giusta ”. Il primo cittadino terrà una conferenza nell’auditorium della Fiera su “Soriano Calabro: un esempio”, alla quale prenderanno parte anche diversi artigiani sorianesi.

«E’ importante il ruolo e l’espressione di una nuova società propositiva, come quella sorianese, con sguardi nuovi sulle risorse umane - ha detto Bartone, aggiungendo - quello che necessita è un corpo unico sinergico in grado di dare sviluppo alle nuove politiche territoriali e allo sviluppo economico che sa guardare con lungimiranza ad una economia sostenibile e compatibile».

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook