Carattere

Una serie di iniziative è in calendario nelle giornate del 24 e 25 settembre. Esposizioni aperte fino a tarda sera e visite guidate con ingresso al prezzo simbolico di 1 euro

Una sala del Museo archeologico statale di Vibo
Cultura

Ogni anno il ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo promuove la partecipazione alle Giornate europee del Patrimonio. La manifestazione è stata promossa per la prima volta nel 1991 dal Consiglio d’Europa e dalla Commissione Europea per implementare il dialogo e lo scambio culturale tra le nazioni europee.

Un’occasione di pregio per riaffermare l’importanza dei siti culturali e del proprio patrimonio storico, a cui aderiscono musei, gallerie, fondazioni e associazioni private. Anche il Museo archeologico nazionale “Capialbi” ha accolto il progetto facendosi promotore di una serie di iniziative da realizzare nelle giornate del 24 e 25 settembre.

In via eccezionale, infatti, le porte del polo culturale vibonese rimarranno aperte sabato 24 settembre, dalle 20 alle 23. Al prezzo simbolico di 1 euro si potranno visitare le tradizionali sale che compongono il Museo e la mostra sulla cultura musicale nell’antichità dal titolo “ReSONAnT: Ritmi e Suoni: L’Arte Ritrovata”, progettata con gli studenti. Alle 20.15 e alle 22.15 sarà possibile usufruire delle visite guidate e alle 21, assistere al concerto di musica tenuto dai professionisti del conservatorio “Fausto Torrefranca” di Vibo Valentia.

Al Museo Capialbi la mostra “ReSÒNAnT Ritmi e Suoni: l’Arte ritrovata”

Il 25 settembre (orari e costi ordinari), invece, alle 11 è attesa l’inaugurazione della mostra "Il paesaggio archeologico" attraverso le collezioni del Museo Archeologico di Vibo Valentia, a cura del direttore del Museo Adele Bonofiglio. Le visite guidate domenica saranno due: una alle 17.15, l’altra alle 18.30.

 

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook