TF, da Mangialavori un plauso a Floriani

Il consigliere regionale esprime gratitudine per un evento che mette in luce «le enormi potenzialità umane e culturali del territorio».

Il consigliere regionale esprime gratitudine per un evento che mette in luce «le enormi potenzialità umane e culturali del territorio».

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Sincera e massima gratitudine per l’allestimento e la realizzazione della manifestazione “Tropea Festival Leggere&Scrivere”. È il sentimento predominante che ho formalizzato mediante una lettera inviata al dottor Gilberto Floriani, direttore del Sistema bibliotecario vibonese». È quanto dichiara, in una nota, il consigliere regionale di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori, manifestando, quando è in corso l’ultima giornata della manifestazione culturale che per una settimana ha animato Palazzo Gagliardi a Vibo Valentia, tutto il suo apprezzamento.
 
Una manifestazione, scrive ancora Mangialavori, che «ha coniugato in una mirabile sintesi, discipline umanistiche e scientifiche, temi di attualità e orientamenti giurisprudenziali, arte e musica. Un evento unico su scala regionale che si confronta, senza presunzione ma anche senza timidezza, con quelli analoghi che si svolgono in altre città del Nord o presso realtà più popolose. Una manifestazione che è motivo di orgoglio per la Calabria, per la città di Vibo Valentia e per tutta la comunità provinciale».

Informazione pubblicitaria

A parere del coordinatore provinciale di FI, l’iniziativa testimonia, inoltre, «le enormi potenzialità del territorio. Risorse prima di tutto umane e, in secondo luogo, culturali di eccezionale valenza. Il festival ha concretizzato un modo di fare cultura improntato al rigore e al dinamismo, ma soprattutto al rafforzamento del sapere collettivo. Centrati, inoltre, vari obiettivi. Innanzitutto ha reso tangibile il binomio cultura e società. In secondo luogo ha offerto al Vibonese una nuova prospettiva culturale di ampio respiro». È poi «encomiabile il coinvolgimento dei centri di educazione e scolastici e la capacità di stimolare curiosità e attenzione presso tanti giovani. Vibo Valentia, grazie all’instancabile lavoro del dottor Floriani, alla sapienza organizzativa e alla passione che ha animato ogni fase del progetto ha ricevuto lustro e uno stimolo a proseguire tale importante esperienza».