Giusy Staropoli Calafati entra nella giuria del Premio Caccuri

Sarà alla guida della sezione “Poesia dialettale”. La poetessa e scrittrice vibonese subentra al maestro Giuseppe Marino

Sarà alla guida della sezione “Poesia dialettale”. La poetessa e scrittrice vibonese subentra al maestro Giuseppe Marino

Informazione pubblicitaria
Giusy Staropoli Calafati

La poetessa e scrittrice vibonese Giusy Staropoli Calafati è stata nominata alla guida della sezione “Poesia dialettale” del Premio letterario Caccuri, prestigioso riconoscimento promosso dall’Accademia dei Caccuriani.

«Si tratta – ha spiegato Roberto De Candia, promotore, assieme ad Adolfo Barone e Olimpio Talarico, dell’importante evento che si svolge ogni anno nel mese di agosto – di un altro prestigioso acquisto per il Premio letterario Caccuri e per l’Accademia dei Caccuriani».

«Non mi aspettavo di ricevere questa nomina – ha commentato dal canto suo la diretta interessata -. Quando mi è stato proposto questo importante incarico, in prima battuta mi sono riservata nella mia decisione. Poi però ho pensato bene di accettare. Il premio Caccuri è una grande realtà culturale in Calabria e in Italia. E se dare il mio contributo sarebbe servito a rendere qualcosa di più al premio stesso e più specificatamente alla sezione del premio che mi è stata assegnata, allora non potevo che accettare ed entrare a far parte di un team d’eccezione. Credo nella mia terra e nella gente che cerca, specie con la cultura, di renderla più bella e più preziosa. E il Premio Caccuri è tutto questo. Un onore per me – conclude Giusy Staropoli Calafati – e spero di cuore di svolgere il compito assegnatomi nel migliore de modi. Il mio impegno sarà totale».