Un laboratorio teatrale per condividere emozioni, l’idea di Paolo Cutuli prende forma a Vibo

L’iniziativa promossa dall’attore vibonese è giunta già al terzo appuntamento e vuol rappresentare «uno spazio “terapeutico” di confronto ed opportunità»

L’iniziativa promossa dall’attore vibonese è giunta già al terzo appuntamento e vuol rappresentare «uno spazio “terapeutico” di confronto ed opportunità»

Informazione pubblicitaria
I partecipanti al laboratorio teatrale

È nato a Vibo Valentia un laboratorio in cui «gli ingredienti principali sono: una grande passione; la capacità di mettersi in gioco, quella di scambiare la propria esperienza facendola l’esperienza di tutti e per tutti; un laboratorio dove trovare stimoli che scavalchino stereotipi e sterili lamentele (che vanno oltre il detto che in “questo territorio non vi sono opportunità di crescita”). Un laboratorio che nasce dalla semplice voglia di fare, di portare la propria esperienza e il proprio bagaglio culturale nella terra di origine; libera iniziativa culturale, semplicemente perché si crede nel valore delle opportunità da offrire a questo territorio».

È il laboratorio teatrale diretto da Paolo Cutuli, giunto già al suo terzo appuntamento (svoltosi domenica 29 gennaio) ed aperto ad adolescenti e adulti. Si tratta, nelle intenzioni dei promotori, di «uno spazio “terapeutico” e di opportunità. Spazio per gli adolescenti inteso come aiuto nell’affrontare le proprie insicurezze; spazio per i giovani, dove trovare e ritrovarsi, di “contatto” con se stessi e con l’ altro; spazio per adulti, una palestra per l’anima e per approfondire tecnicamente una passione».

Il laboratorio si terrà una volta al mese a Vibo Valentia. Per iscrizioni e informazioni si può scrivere a scuolateatro.vibo@libero.it

Giovani e adulti possono così «lasciarsi coinvolgere da una rete sociale intessuta dall’interesse al benessere delle persone, dall’arte e dalla cultura. Uno spazio nuovo ricco di emozioni costruttive».