Scrittrice a 13 anni, la solitudine nel libro di Lida Carullo – Video

La giovane autrice vibonese presenta la sua opera al Liceo Capialbi di Vibo. E racconta: «Ho attraversato lunghi periodi da sola, ho trovato il riscatto nella lettura e nella scrittura»
La giovane autrice vibonese presenta la sua opera al Liceo Capialbi di Vibo. E racconta: «Ho attraversato lunghi periodi da sola, ho trovato il riscatto nella lettura e nella scrittura»
Informazione pubblicitaria
Lida Michela Carullo
Informazione pubblicitaria

Ha iniziato a scrivere un libro a 11 anni, l’ha concluso e pubblicato a 13. Ed ora, 14enne, lo ha presentato ad una folta platea di suoi coetanei, questa mattina al Liceo Capialbi di Vibo Valentia. Lei è Lida Michela Carullo, giovanissima scrittrice vibonese che da circa un anno ha dato alle stampe il suo “Immersa nel caos”, che affronta in particolare il tema della solitudine.

Una condizione affrontata da molti giovani come lei, ai quali fa un invito: «Bisogna andare avanti, la vita è una cosa meravigliosa. Non pensiamo a cose negative, alla solitudine che ci pervade e che è davvero molto brutta, andiamo avanti e cerchiamo il gusto in ciò che ci piace». Un’opera in cui non mancano riferimenti autobiografici che arricchiscono il racconto di una delle fasi più belle ma anche più difficili dell’esistenza umana. «In un certo punto della mia vita – racconta Lida – mi sono ritrovata sola, senza amici, ho trovato amicizia nella lettura e nella scrittura, che sono state il riscatto dall’immensa solitudine».

A 13 anni pubblica il suo primo romanzo, è di Vibo l’enfant prodige della scrittura – Video

Un libro che sta avendo una discreta eco nell’ambiente scolastico ma anche fuori. «Se mi aspettavo il successo? Sì e no. All’inizio – spiega – non ero tanto sicura, poi ho visto che a tante persone è piaciuto, l’ho letto e riletto e mi posso ritenere soddisfatta». “Immersa nel caos” è scritto da un’adolescente non solo per gli adolescenti, grazie anche ad alcuni richiami filosofici sottolineati dai docenti. «È un’adolescenza che cambia – evidenzia Bianca Ferrari, docente di Scienze umane del Capialbi -, con problemi sempre nuovi e diversi, ma alcune tematiche sono costanti e vanno all’origine dell’uomo, e Lida è stata molto brava ad intercettare questi temi».

Informazione pubblicitaria