Mileto, tutto pronto per l’apertura del Parco Archeologico

La città visse un periodo di grande splendore grazie alla figura di Ruggero I che la scelse come “capitale” della vasta Contea nonché come residenza del gran Contado di Calabria e di Sicilia

La città visse un periodo di grande splendore grazie alla figura di Ruggero I che la scelse come “capitale” della vasta Contea nonché come residenza del gran Contado di Calabria e di Sicilia

Informazione pubblicitaria

E’ attesa per sabato 13 maggio, dalle 10, la cerimonia di inaugurazione del Parco archeologico di Mileto. Un sito di grande interesse storico-culturale che torna alla piena disponibilità dei visitatori, della comunità e degli appassionati di storia locale.

L’area, infatti, rappresenta l’antica Mileto, sorta un tempo come “castrum” bizantino. Rinasce, dunque, la “Città di Ruggero”, “reggia gloriosa dei Normanni” nel secolo XI, prescelta da Ruggero I non solo come capitale della vastissima Contea, ma anche come residenza del gran Contado di Calabria e di Sicilia.

Per la sua importanza strategica basti pensare che venne scelta come sede della Diocesi. Mileto, in estrema sintesi, fu fulcro attivo e vitale dell’attività politica, economica, sociale e anche religiosa. La presentazione del Parco si terrà alla presenza dell’Associazione culturale “Mnemosyne”, del gruppo archeologico “Medma” di Rosarno, del sindaco Domenico Antonio Crupi, dei rappresentanti dell’amministrazione comunale e della Soprintendenza della Calabria. In prima fila, inoltre, alcuni istituti scolastici.

Si illustrerà la storia e la ricchezza rappresentata dal luogo, e sarà possibile visitare l’abbazia della Santissima Trinità.