Vibo, i laboratori di “Lìmen bottega aperta” strappano consensi

Buona partecipazione alla seconda edizione dei corsi d’artigianato artistico per bambini, adulti e stranieri promossi al Valentianum dalla Camera di commercio

Buona partecipazione alla seconda edizione dei corsi d’artigianato artistico per bambini, adulti e stranieri promossi al Valentianum dalla Camera di commercio

Informazione pubblicitaria
I laboratori di Lìmen a Vibo

Lìmen Bottega Aperta, laboratorio d’artigianato artistico avviato dalla Camera di Commercio di Vibo Valentia, come progetto sperimentale in collaborazione con i maestri Antonio La Gamba e Antonio Montesanti, è diventata ormai una realtà stabile e dinamica al Valentianum. Così, dopo il successo della prima edizione, La Camera di Commercio ha pensato di confermare il progetto anche in questa annualità, con un ricco ed intenso programma di attività che coinvolgono scuole e comunità e con l’obiettivo di promuovere cultura d’impresa, arte, artigianato, innovazione, educazione al lavoro e alla legalità, coesione e inclusione sociale.

Sono stati così avviati, fa sapere l’ente camerale, diversi percorsi artistici-formativi tra cui, da ultimo, tre corsi differenziati riservati rispettivamente a bambini/scolari, adulti, stranieri. Un primo corso è stato pensato per i bambini delle scuole elementari, coinvolti dagli artisti La Gamba e Montesanti in un entusiasmante laboratorio su “I Giganti“. «I bambini – si spiega entrando nel dettaglio -, sono stati guidati a lavorare e plasmare l’argilla, venendo a diretto contatto con i materiali e gli strumenti artigianali. Con interesse e partecipazione hanno seguito gli insegnamenti e realizzato le loro opere d’arte, che hanno poi portato nella loro scuola ».

“Bottega aperta Limen”, riparte il laboratorio artigiano della Camera di commercio di Vibo

Un altro corso pomeridiano è stato riservato invece gli stranieri, ed in particolare ai minori extracomunitari, compresi quelli dei centri di accoglienza in provincia. «Anche qui gli incontri hanno privilegiato il rapporto umano con un confronto aperto tra gli artisti e i ragazzi sulle culture di appartenenza, mettendo a confronto le varie realtà per creare comunanza e integrazione e coesione sociale. I ragazzi hanno così creato, sempre con l’argilla, opere legate alle loro radici come animali, oggetti decorativi e monili».

Il corso aperto agli adulti, due volte a settimana per tre mesi, è stato dedicato, invece, alla Metalxilografia, tecnica ideata e sviluppata da Antonio La Gamba che consiste nella creazione di opere d’arte in metallo utilizzando l’antica tecnica della xilografia partendo dall’incisione del legno. «Abbiamo registrato intorno a questi Laboratori grande consenso ed entusiasmo – ha detto il presidente della Camera di commercio di Vibo Michele Lico – promuovendo progetti mirati a valorizzare i mestieri legati all’artigianato artistico in un’ottica di innovazione e modernità, la cultura d’impresa, occupazione, coesione sociale, legalità». Limen Bottega Aperta, ha detto ancora il segretario generale Donatella Romeo, «è l’esempio concreto di come un ente pubblico possa realizzare pianificazioni mirate e consapevoli a misura del territorio». 

“Limen bottega aperta”, nuovi mestieri contro la ‘ndrangheta