Battaglia in versi per difendere l’onore di Pizzo: dopo 120 anni la risposta alle “offese” di Ammirà

Il nostro Rocco Greco risponde al grande poeta ottocentesco di Monteleone che dedicò un poema alla sua prostituta più amata, definendo la città napitina “lu perfidu paisi”

Il nostro Rocco Greco risponde al grande poeta ottocentesco di Monteleone che dedicò un poema alla sua prostituta più amata, definendo la città napitina “lu perfidu paisi”

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

di Rocco Greco

Informazione pubblicitaria

Quest’anno ricorre il 120° anniversario della morte di Vincenzo Ammirà (1821-1898), il poeta burlesco, erotico, autore de La ceceide. In questo poemetto, che diede al poeta di Monteleone, l’odierna Vibo Valentia, la meritata fama e notorietà in tutta la regione, l’autore oltre ad esaltare, nel suo vernacolo, le grazie più intime di una fanciulla di Tropea di nome Cecia, da cui “La Ceceide”, usa parole non certo lusinghiere per descrivere le “ciangiùline” pizzitane (le donne un tempo pagate per piangere ai funerali), che accorsero alle esequie della sua amata:

…Vi’ triccentu pizzitani,

chiji a paga furu misi,

li chhiù celebri buttani

di lu perfidu paisi.

 

Apri l’occhi ca li vidi,

Cecia mia, si no lu cridi;

e accussì cu fintu affannu

laudi a tia cantandu vannu:

«Chi si’ beja, chi si’ cara,

non c’è para comu a tia,

Cecia amata, Cecia mia…

Ebbene, dopo tutti questi anni, il nostro Rocco Greco, pizzitano, appassionato cultore della sua terra e autore anch’egli di scritti in vernacolo, ha pensato di ricambiare al torto ricevuto, con una sua composizione, ma, ci tiene a precisare, «con molta riverenza ed umiltà nei confronti del poeta di Monteleone, entrato a pieno titolo nella Storia della letteratura calabrese».  Ecco, dunque, la sua risposta in versi.

A Vincenzu Ammirà di Mundàlauni 

Sommu poeta, pinna sopraffina

Di “Cecia ‘a Tropiana” e “‘A Pippa ‘i Crita”

I canti tôi su’ ricami ‘i sita

Di maestria chi nuju avvicina

Di l’arti tua, grandizza infinita.

 

Facisti randi e immortali angella

Nda tutta la Calabria canusciuta

Cecia, di professioni prostituta

Cu la tua pinna divendàu ‘na stella

Cu l’arti tua ‘ngelu l’hai sagghjùta.

 

Caru poeta di Mundalàuni

Quandu lustru chi desti ô tôi paisi

Ma tu cu’ mio fusti assai scortesi

Vorrìa mu sacciu propriu la ragiuni

Pecchì chistu parrari scangianisi?

 

Tu sî  ricanuscitu letteratu,

Io cu ttìa no’ pozzu appattari

Ma cu rispettu, ti vogghju dumandari

Pecchì cu’ Pizzu fusti accussì ‘ngratu?

Pecchì parrasti ‘i nui accussì mali?

 

Chjamàsti a tutti celebri buttani

E u Pizzu u cchjù perfidu paisi,

Pecchì tandu rangori, chisti offesi? 

Chi ti fìciaru a ttìa i Pizzitani?

Non è ca t’a pigghjàsti pô Frangisi?

 

È acqua passata, è ‘nu fattu andicu.

Si avària mò u ti rendu u paru

Rivendicandu l’orgogliu Pizzitanu

Ti chjamarìa pe’ nomi, caru amicu

Massoni murattianu e cardijaru!