Sviluppo sostenibile, il messaggio dei Lions di Vibo per i “nativi ambientali”

Su iniziativa dell’associazione si è tenuto un interessante convegno con gli studenti dell’Alberghiero per focalizzare i temi del riciclo e della lotta agli sprechi alimentari

Su iniziativa dell’associazione si è tenuto un interessante convegno con gli studenti dell’Alberghiero per focalizzare i temi del riciclo e della lotta agli sprechi alimentari

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

 

Informazione pubblicitaria

«È necessario allontanarsi dal modello tradizionale, puntando a un’economia che rispetti l’ambiente e orienti gli individui a non produrre più rifiuti da “abbandonare”, ma che sappia trasformarli in ricchezza e benessere attraverso il loro riutilizzo e trasformazione».

È quanto affermato da Nicola Fusca, presidente del Lions club di Vibo Valentia, nell’introdurre i lavori di un incontro sul tema dello sviluppo sostenibile, tenutosi oggi nell’Istituto Alberghiero della città capoluogo.

“Le quattro ‘R’ per salvare l’ambiente: recupero, riciclo, riduzione e riutilizzo”, questo il titolo del seminario organizzato dai Lions, al quale hanno preso parte, tra gli altri, il sindaco Elio Costa e l’assessore Silvia Riga. Costa, in particolare, ha parlato di una «città più pulita di quella erediatata dalla precedente amministrazione» e ha sottolineato gli sforzi fatti per aumentare i controlli e punire chi imbratta le strade. A rappresentare l’associazione, c’era anche Toni Maccarone, presidente della VII circoscrizione del Lions club.

«Questa nuova consapevolezza – ha continuato Fusca nella sua introduzione – non può che iniziare dalle scuole e dai giovani, che potremmo definire “nativi ambientali”: una generazione che già nei comportamenti quotidiani trova come prospettiva naturale il rispetto dell’ambiente in cui vive».

Tensione, però, è stato sottolineato, che spesso si scontra con un sistema di produzione e consumo “antiquato”, non sempre all’altezza delle aspettative e di quegli obiettivi di tutela ambientale non più eludibili.

Fulcro del seminario è stata la relazione di Sergio Esposito, coordinatore distrettuale delle “4 R” per il Lions club di Eboli-Battipaglia, che ha focalizzato l’attenzione sul tema dello spreco alimentare, un argomento particolarmente attinente al percorso di studi degli studenti presenti, impegnati nel settore dell’accoglienza turistica e della ristorazione.

Soddisfazione è stata espressa dal dirigente dell’Alberghiero, Carlo Pugliese, che ha ospitato il convegno, condividendo gli obiettivi formativi.