Vibo Marina, il Comune fa marcia indietro: le strisce blu non si faranno (VIDEO)

Le veementi proteste dei cittadini hanno sortito il loro effetto. Il sindaco Costa precisa: «Decisione già presa la sera prima della manifestazione». Ma i residenti approfittano dell’incontro per mettere il primo cittadino di fronte alle sue responsabilità

Le veementi proteste dei cittadini hanno sortito il loro effetto. Il sindaco Costa precisa: «Decisione già presa la sera prima della manifestazione». Ma i residenti approfittano dell’incontro per mettere il primo cittadino di fronte alle sue responsabilità

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Alla fine Elio Costa e la sua amministrazione ascoltano e cedono. Niente nuove “strisce blu” a Vibo Marina e Bivona. Almeno non su corso Michele Bianchi, via Cristoforo Colombo e piazza Marinella. Decisione – precisa il primo cittadino di Vibo Valentia – presa in Giunta già la sera prima, prima cioè che sul web e sui social deflagrasse la protesta della comunità per la nuova colata di vernice e i nuovi parcheggi a pagamento in realtà economicamente già collassate. Il faccia a faccia, tra l’amministrazione comunale e i cittadini, nell’auditorium parrocchiale, quantomeno è utile a sviscerare i problemi delle frazioni costiere e a manifestare il giudizio critico della gente verso un Comune fin qui percepito come sordo e distante. Rifiuti sparsi ovunque, inadeguatezza nel servizio di raccolta, liquami fognari, strade dissestate… I cittadini mettono sindaco e assessori davanti alla realtà. Elio Costa ascolta, prende appunti, e poi spiega. Difende il suo operato. Difende lo sforzo per recuperare le risorse necessarie rimettere in sicurezza il quartiere Pennello, per restituire il decoro. Alla fine l’incontro finisce in caciara. Per fare pace, i cittadini attendono i fatti. I buoni propositi non bastano.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Nuove strisce blu a Vibo Marina, la rivolta dei cittadini: «Si rischia di morire»

Nuove strisce blu a Vibo Marina, Pd e Vibo Unica sulle barricate: «Colpo mortale all’economia»