lunedì,Settembre 26 2022

Tirocinanti in protesta, il sindacato Usb: «Oltre 4mila lavoratori da stabilizzare»

La questione coinvolge lavoratori che «svolgono tirocinio all’interno degli enti locali di tutto il territorio, attività che si protrae da anni, senza alcuna garanzia occupazionale»

Tirocinanti in protesta, il sindacato Usb: «Oltre 4mila lavoratori da stabilizzare»

L’Unione sindacale di base annuncia una settimana di mobilitazione regionale dei tirocinanti inclusione sociale della Calabria. Lo riferisce una nota stampa del sindacato nella quale evidenzia l’annosa «questione riguardante i tirocinanti calabresi, i quali svolgono tirocinio all’interno degli enti locali di tutto il territorio, attività che si protrae da anni, senza alcuna garanzia occupazionale per le persone che loro svolgono». [Continua in basso]

L’Unione sindacale in tale contesto ha proclamato a partire da oggi «una mobilitazione regionale permanente, con momenti di sensibilizzazione come la presenza passiva, e protesta negli enti locali interessati, al fine di sensibilizzare tutte le istituzioni interessate, rispetto a una bomba sociale che, in assenza di risposte concrete, potrebbe deflagrare». Il tutto «vista la situazione in cui vertono gli enti locali calabresi (caratterizzati dall’assenza di personale a causa del blocco delle assunzioni), situazione in cui di fatto i tirocinanti sostituiscono in tutto e per tutto il personale mancante, sopperendo nelle attività amministrative e sostenendo l’intera macchina organizzativa» e «considerato, inoltre, «che la puntualità dell’esiguo pagamento relativo all’indennità è perennemente oggetto di tensione per i tirocinanti».
In più il sindacato rileva che «la proroga del tirocinio ha durata di 12 mesi a partire dal mese di ottobre, e che di conseguenza vi è l’urgente necessità di vagliare sin da subito tutte le soluzioni possibili per condurre questo enorme bacino di tirocinanti, circa 4400 persone, alla stabilizzazione». Ad oggi tuttavia «i numerosi tavoli e incontri avuti nelle ultime settimane con tutti le istituzioni interessate non hanno sortito di fatto alcuna variazione della situazione dei tirocinanti». Da qui la mobilitazione.

Articoli correlati

top