lunedì,Luglio 22 2024

Bando da tre milioni per valorizzare i beni confiscati nelle regioni del Sud

Li mette a disposizione Fondazione per il Sud. Potranno partecipare partnership composte da tre o più organizzazioni, almeno due delle quali appartenenti al mondo del Terzo settore

Bando da tre milioni per valorizzare i beni confiscati nelle regioni del Sud

Quinta edizione del bando della Fondazione Con il Sud che mette a disposizione 3 milioni di euro per valorizzare i beni confiscati alle mafie nelle regioni meridionali con iniziative di natura sociale, culturale ed economica sostenibili nel tempo, in grado di contribuire sia allo sviluppo socio-economico del territorio circostante, sia alla riappropriazione del bene da parte della comunità di riferimento. L’iniziativa è rivolta alle organizzazioni del Terzo settore di Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia. «La piena restituzione alla comunità di un bene precedentemente utilizzato dalla criminalità organizzata non si realizza nella semplice ristrutturazione e riqualificazione dello stesso», ha detto Carlo Borgomeo, presidente della Fondazione Con il Sud. Nel corso degli ultimi 13 anni la Fondazione ha contribuito a valorizzare 86 beni confiscati (54 fabbricati; 14 terreni; 17 terreni con fabbricato rurale e 1 natante) per un totale di oltre 1.8 milioni di metri quadri riqualificati e con la quinta edizione di questo bando «vogliamo proseguire nell’importante lavoro di sostegno concreto al Terzo settore impegnato nella gestione dei beni confiscati», ha spiegato Borgomeo. [Continua in basso]

Il bando si rivolge a partnership composte da tre o più organizzazioni, almeno due delle quali appartenenti al mondo del Terzo settore. Nei progetti potranno essere coinvolti, inoltre, il mondo delle istituzioni, della scuola, dell’università, della ricerca e delle imprese. I partenariati dovranno dimostrare l’effettiva disponibilità del bene confiscato per almeno 10 anni dalla data di scadenza del bando. L’iniziativa si articola in due distinte fasi: la prima finalizzata alla selezione delle proposte con maggiore impatto sul territorio di intervento e la successiva rimodulazione, volta ad arricchire la proposta e a chiarire eventuali aspetti critici rilevati nella fase di valutazione. Il bando, pubblicato sul sito www.fondazioneconilsud.it, scade il 14 settembre 2023 e prevede la presentazione delle proposte esclusivamente online tramite la piattaforma Chàiros.  

I beni immobili confiscati complessivamente ‘destinati’ sono oggi oltre 19.800 mila, di cui il 65% è localizzato nelle regioni del Sud e circa il 58% è destinato a finalità sociali. Se negli anni ’90 i beni immobili ‘destinati’ annualmente nelle regioni del Sud non superavano le cento unità, negli ultimi due anni (2020-2022) si è arrivati a destinare ben 2.500 beni, di cui oltre 1.500 a scopi sociali.  Un ulteriore passo avanti verso il riutilizzo sociale dei beni confiscati è stato fatto con la legge n.161 del 17 ottobre 2017, che ha previsto la possibilità di assegnazione diretta dei beni confiscati da parte dell’ANBSC a enti non profit. A tal proposito, nel luglio 2020, l’ANBSC ha pubblicato il primo bando nazionale per l’assegnazione di oltre 1.400 lotti confiscati in via definitiva ad enti del terzo settore. Al termine delle attività istruttorie, tuttavia, ne sono stati assegnati solamente 260 per la realizzazione di 68 progetti. Di questi, meno della metà riceveranno un contributo, fino ad un massimo di 50.000 euro, per la realizzazione delle attività progettuali proposte, importo insufficiente a garantire un’efficace gestione dei beni.

LEGGI ANCHE: Valorizzare i beni confiscati: dal Pnrr 8,5 milioni per sette Comuni del Vibonese

I beni confiscati andranno agli enti locali: nel Vibonese sono 66

Articoli correlati

top