Pecorino Dop, Confindustria: «Risultato straordinario, non resti isolato»

Per l’associazione degli industriali l’obiettivo raggiunto deve essere «un punto di partenza per vincere la sfida globale: sinergia tra enti per valorizzare il territorio»
Per l’associazione degli industriali l’obiettivo raggiunto deve essere «un punto di partenza per vincere la sfida globale: sinergia tra enti per valorizzare il territorio»
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Continuano ad arrivare attestati di soddisfazione alla notizia dell’ottenimento del marchio di qualità Dop del pecorino del Monte Poro. Questa volta è Confindustria Vibo Valentia a parlare di «prestigioso riconoscimento ottenuto dal Consorzio». Un sodalizio «nato da una felice intuizione di alcuni produttori e allevatori ed accompagnato sino al risultato dalla Camera di commercio che sin dall’inizio ha creduto fortemente in un progetto che valorizza non solo una produzione di eccellenza ma innesca anche un processo virtuoso per l’intera filiera ed il territorio vibonese».

Informazione pubblicitaria

C’è il via libera definitivo, il Pecorino del Monte Poro è marchio Dop

Al presidente Antonello Monteleone ed al vice Vincenzo Vinci vanno quindi «i complimenti di tutto il consiglio direttivo di Confindustria per aver operato in piena sintonia nel lungo percorso teso al raggiungimento dell’obiettivo e per aver saputo governare con l’insostituibile supporto del presidente Caffo tutti i passaggi necessari a cogliere il risultato».

Il pecorino del Poro è Dop, il plauso del Gal e della Camera di commercio

L’auspicio degli industriali è che tutto ciò «possa innescare nuovi processi di crescita e stimolare eventi analoghi anche per altre produzioni di eccellenza che il nostro territorio offre. La sfida della qualità, la valorizzazione delle tradizioni e della cultura del cibo riteniamo siano i principali “driver” che consentono ai sistemi territoriali di diventare realmente attrattivi».

Dop Pecorino del Poro, il Consorzio: «Vittoria di allevatori e territorio»

«In Confindustria – prosegue la nota – abbiamo da tempo avviato collaborazioni tra il mondo dell’accoglienza turistica e quello della enogastronomia potendo contare da un canto su meravigliose strutture turistiche allocate in una delle più belle coste del Paese e dall’altro ritenendo “le emozioni” forti del paniere di prodotti tipici che questo fazzoletto di terra può regalare al visitatore, centrali in ogni strategia di comunicazione».

La Dop rilancia il Pecorino del Monte Poro sul mercato – Video

«Il coinvolgimento delle imprese per il tramite delle associazioni di categoria nell’individuare e cogliere gli obiettivi di crescita rilancia ancor di più, in questa difficilissima fase, il tema della vera competizione che siamo tenuti ad affrontare, quella della collaborazione e della sinergia tra enti, istituzioni, imprese e politica. Risultati come questi non possono rimanere casi seppur pregiati, ma isolati e sporadici. È tempo di definire insieme una strategia e offrire le nostre migliori risorse ed intelligenze per giungere all’obiettivo della nascita di una nuova dimensione territoriale, fatta di imprese, di saperi, di lavoro e di passione per quello che facciamo».