Aliscafo per le Eolie, attivato il bus-navetta al porto di Vibo Marina

Il servizio reso possibile dall’interlocuzione tra Comune e Ferrovie della Calabria. Obiettivo: garantire gli spostamenti dei turisti verso stazioni e centro città
Il servizio reso possibile dall’interlocuzione tra Comune e Ferrovie della Calabria. Obiettivo: garantire gli spostamenti dei turisti verso stazioni e centro città
Informazione pubblicitaria
Un aliscafo al porto di Vibo Marina
Un aliscafo al porto di Vibo Marina
Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

È partito il 16 luglio scorso il servizio del bus-navetta istituito dal Comune di Vibo Valentia per il trasporto dei turisti dall’aliscafo per le Isole Eolie – che attracca alla banchina Cortese del molo Malta del porto di Vibo Marina – al centro cittadino ed alle stazioni ferroviarie e viceversa. 

«Il servizio – rende noto Palazzo Luigi Razza – fa seguito a una fitta interlocuzione tra il sindaco Maria Limardo e gli assessori alle Attività produttive e alla Cultura, Gaetano Pacienza e Daniela Rotino, con le Ferrovie della Calabria. Prioritaria finalità del servizio – si evidenzia – è quella di favorire la permanenza a Vibo Marina di quella fascia di turisti in transito verso le Eolie con lo scopo di creare un circolo virtuoso tra la promozione del territorio e la possibilità per il turista non solo di alloggiare negli alberghi della città ma anche di recarsi nel centro pulsante marinaro».

Il servizio di trasporto urbano «si è reso ancor più utile anche perché attualmente l’aliscafo della Liberty Lines attracca, per motivi tecnici, al molo Malta che si trova a notevole distanza dal centro cittadino e dalla locale biglietteria costringendo gli stessi turisti ad un faticoso spostamento a piedi per raggiungere il luogo d’imbarco nonché per facilitare lo spostamento verso le stazioni ferroviarie ed il centro una volta sbarcati. L’amministrazione comunale – si aggiunge – si è mossa anche nell’ottica di favorire il riavvio delle attività produttive e salvaguardare i livelli occupazionali del settore commercio  che ha sofferto più di altri gli effetti negativi della crisi da Covid19».

Il sindaco Limardo, infine,  si augura che «l’aumento dei servizi in favore del settore turistico possa produrre nel futuro una maggiore attenzione alla bellezza dei luoghi sviluppando anche un turismo culturale indirizzato verso la conoscenza dei beni architettonici e paesaggistici della nostra città».