martedì,Settembre 21 2021

Distretti del cibo, il Gal Terre vibonesi: «Fondamentali per lo sviluppo dell’intero territorio»

Il presidente Papillo esprime soddisfazione per la manifestazione d'interesse lanciata dalla Regione: «Noi ci eravamo mossi su questa strada già mesi fa: si darà giovamento al settore agroalimentare e non solo»

Distretti del cibo, il Gal Terre vibonesi: «Fondamentali per lo sviluppo dell’intero territorio»

«Esprimo piena soddisfazione nel constatare che la Regione abbia lanciato in pre informazione la manifestazione d’interesse per la costituzione dei distretti del cibo». È quanto afferma il presidente del Gal “Terre Vibonesi”, Vitaliano Papillo, che ricorda: «Il nostro Gal si era mosso su tale strada con largo anticipo, organizzando un incontro nel giugno scorso presso la sede della provincia di Vibo, alla presenza dell’assessore regionale al ramo, dei responsabili del dipartimento agricoltura e di tutti i principali attori del settore, da coinvolgere necessariamente in questa importante attuazione».

«Un incontro in cui – spiega ancora Papillo -, ciascuno per le proprie competenze e per il ruolo che avrebbe giocato in questa partita, ha contribuito a sottolineare l’importanza che tale distretto avrà in termini di sviluppo, tutela dell’ambiente e delle produzioni locali e ricadute occupazionali per l’intero territorio».

«Siamo stati celeri – puntualizza – per accendere i riflettori su una legge nazionale di fondamentale rilievo del 2017 ed accelerarne l’iter con l’esortazione del successivo passaggio ora compiuto dalla regione Calabria. Perché questa è la materia che mastichiamo e la nostra azione è indirizzata sempre ed esclusivamente a recepire quanto di buono può essere fatto per la terra in cui operiamo e contribuire fattivamente alla sua realizzazione, da coprotagonisti insieme alle parti sociali che siamo riusciti a coinvolgere, dalla Camera di Commercio a Confindustria, passando per le varie associazioni di categoria, i consorzi di tutela dei nostri prodotti migliori, la provincia, gli enti e le istituzioni locali e le principali aziende operanti in provincia di Vibo, sul cui appoggio e sostegno faremo leva quando si tratterà dell’attuazione vera e propria del distretto».

«Anche e soprattutto in quel momento – conclude il giovane presidente del Gal – il “Terre Vibonesi” ci sarà, pronto ed altrettanto celere a concretizzare una realtà che donerà giovamento al settore agro alimentare, motore trainante, insieme al turismo, della nostra economia».

Articoli correlati

top