Tra gusto e tradizioni, Serra San Bruno si prepara alla Festa del fungo

Fervono i preparativi per una tre giorni ricca di eventi, dedicati al “Principe del bosco”, che coincideranno anche con le celebrazioni della festa del Santo Patrono
Fervono i preparativi per una tre giorni ricca di eventi, dedicati al “Principe del bosco”, che coincideranno anche con le celebrazioni della festa del Santo Patrono
Informazione pubblicitaria

Una “tre giorni” di eventi per celebrare “sua maestà” il fungo e la tradizione del Santo Patrono. Mentre l’autunno entra in scena con la maestosità del suo fogliame incantevolmente variopinto, Serra San Bruno si appresta ad ospitare uno degli eventi più attesi dall’intero comprensorio: la Festa del fungo. Anche quest’anno la locale Pro loco, da sempre attiva ed attenta a far sì che la cittadina rappresenti un’attrattiva significativa per centinaia di turisti, ha puntato sulla qualità dei servizi e sulla varietà delle iniziative. Si parte venerdì 4 ottobre con l’escursione micologica, attraverso la quale squadre capeggiate da esperti micologi, si avventureranno alla ricerca delle più svariate specie di funghi esistenti sul territorio. Il giorno seguente verrà inaugurata la mostra micologica e, nel quartiere Terravecchia, verrà allestito il mercatino gastronomico e artigianale. Domenica 6 ottobre, ultimo giorno della tanto attesa sagra, si vivrà un connubio tra religione e gastronomia che inebrierà le vie del paese. Non a caso, la Pro loco, ha volutamente fatto coincidere l’ultimo giorno della festa, con uno degli eventi religiosi più sentiti dalla popolazione, ovvero la festa in onore del patrono San Bruno, per far vivere ai turisti la magia delle usanze popolari, dei riti religiosi e della spiritualità che caratterizza la cittadina dell’entroterra montano. [Continua dopo la pubblicità]

Informazione pubblicitaria

Si partirà alle 10:30 dalla piazza antistante il Comune, con “Una camminata nei vicoli”, manifestazione  che mira a cogliere le particolarità, la storia e la leggenda degli incantevoli vicoli di Serra San Bruno. Nella stessa giornata avrà luogo il “Raduno dei Bruni”, evento promosso dall’associazione degli operatori economici “Cartusia”. Alle ore 14:30 si potrà partecipare alla ormai storica processione del busto reliquiario di San Bruno che percorrerà tutte le vie della cittadina, caratterizzato dal noto “lancio dei confetti “ e da centinaia di bambini vestiti da piccoli monachelli. Nel frattempo, il centro storico sarà sede di innumerevoli eventi sino a tarda sera, per valorizzare il prodotto simbolo di Serra San Bruno: il fungo. La manifestazione, giunta alla sua sesta edizione, gode del patrocinio del Comune di Serra San Bruno, dal Parco naturale regionale delle Serre, con partner ufficiale “Cose buone di Calabria” – Serfunghi di Bruno Calabretta. Per allietare la permanenza dei turisti, svariati commercianti del luogo offriranno prodotti tipici e i ristoratori garantiranno vari menù capaci di stupire anche i palati più delicati. Insomma una “tre giorni” da non perdere, per celebrare  gastronomia, magia dei luoghi, spiritualità e tanto divertimento.

Carmela Amato