Comunali a Mileto, Petrolo (Si): «Serve responsabilità per avviare una nuova stagione»

L’esponente di Sinistra italiana si dice pronto a «fare una proposta programmatica, eventualmente anche assumendoci la responsabilità di guidare un processo costituente per il rilancio della città»

L’esponente di Sinistra italiana si dice pronto a «fare una proposta programmatica, eventualmente anche assumendoci la responsabilità di guidare un processo costituente per il rilancio della città»

Informazione pubblicitaria
Fortunato Petrolo (Si)
Informazione pubblicitaria

Nell’ambito delle elezioni comunali in programma a Mileto il 10 giugno, ritorna a dire la sua il segretario provinciale di “Sinistra italiana-Liberi&UgualiFortunato Petrolo. È questo il periodo degli approcci in vista della composizione delle liste e del rincorrersi di voci sui candidati a sindaco. Per l’esponente della cittadina normanna, tuttavia, nessuno in realtà «ha ancora una proposta concreta per superare questo delicatissimo momento. Il contesto politico e ambientale in cui viviamo – sottolinea – è il più difficile della storia di Mileto, dove la politica un tempo era passione, sacrificio, confronto, a volte anche scontro, ma sempre nel rispetto delle altrui posizioni e nella piena libertà delle proprie idee. Oggi tutto questo sembra scomparso, si privilegia il rapporto diretto e la ricerca del consenso senza un minimo controllo. In questi ultimi 12 anni si è praticato un percorso di superamento del confronto tra i partiti, privilegiando le alleanze attraverso il contatto diretto tra i candidati, senza una necessaria selezione, che ha causato un enorme vuoto della democrazia partecipata». 

Informazione pubblicitaria

Nella sua disamina, Petrolo ricorda, poi, l’impegno a mettere in campo, «già dallo scorso gennaio, un progetto politico partecipato, credibile e inclusivo». Ascoltando le varie realtà cittadine, confrontandosi sulle cose da fare e riscontrando «una certa convergenza sulla necessità di voltare pagina. Mileto – rimarca l’esponente di Si – non è solo malaffare! Mileto ha potenzialità, competenze, professionalità capaci e necessarie per avviare una svolta, sul piano politico e sociale, per riabilitare una comunità che per troppo tempo ha subito un lento e inesorabile degrado. E’ il momento delle responsabilità e delle scelte, bisogna avviare una nuova stagione politica, in cui tutti devono sentirsi protagonisti e contribuire a dare una svolta, seria e coraggiosa sul piano politico, per un riscatto morale, etico e sociale della nostra comunità». 

Al riguardo Petrolo e Si si dicono pronti a fare una proposta programmatica, «eventualmente anche assumendoci la responsabilità di guidare un processo costituente della politica-amministrativa a Mileto». Obiettivo dichiarato, il rilancio della politica in città, «attraverso la realizzazione di una lista per le amministrative 2018 composta da donne e uomini che siano espressone dei partiti», in modo da «ritrovare la dignità perduta e riportare al centro la politica, quella vera, capace di elaborare, programmare e realizzare quelle politiche necessarie per lo sviluppo, uscendo dalle logiche clientelari». Prerogativa richiesta, «che ci sia una netta discontinuità e che si parta dall’assunzione e dall’affermazione della legalità e della trasparenza amministrativa. Bisogna avere il coraggio di mettersi in discussione e superare le divergenze – conclude – tutti i partiti possono dare un contributo per la realizzazione di un programma amministrativo serio, credibile, che dia fiducia ai cittadini e valore alla politica, quella vera. Possiamo dare vita a una costituente per Mileto e a una lista per le amministrative, che sia espressione di tutte le energie sane della politica e che possa rappresentare gli interessi di questa città, fatta di persone laboriose, oneste e dalla grande passione sociale».

LEGGI ANCHE:

Comunali a Mileto, “Energia mediterranea” scalda i motori in vista delle elezioni

Comunali a Mileto: “Apertamente” si presenta e punta su giovani e solidarietà

Mileto verso le elezioni, Petrolo (Si): «Credibilità della politica al minimo. Ora si volti pagina»