Comunali a Mileto, Energia mediterranea chiede impegni sul taglio delle indennità

Il gruppo politico non sarà presente ai nastri di partenza e dopo il “mea culpa” invita i proprio elettori a «votare secondo coscienza scegliendo il male minore»

Il gruppo politico non sarà presente ai nastri di partenza e dopo il “mea culpa” invita i proprio elettori a «votare secondo coscienza scegliendo il male minore»

Informazione pubblicitaria
Una recente iniziativa di "Energia mediterranea"
Informazione pubblicitaria

Nonostante l’impegno profuso, alla fine l’associazione socio-politico-culturale “Milètos-Energia Mediterranea” non ce l’ha fatta a dare il suo contributo diretto alla costituzione di liste di candidati alle prossime elezioni comunali «improntate sulla qualità e che rispecchiassero i valori del rinnovamento, della legalità, della competenza, dell’onestà, dell’umiltà, del fair play, del rispetto concreto e sostanziale della parità di genere», e ad evitare «che a presentarsi agli elettori fossero stati, direttamente o indirettamente, sempre i “soliti noti”». 

Informazione pubblicitaria

Tuttavia, ad una settimana circa dalla tornata tesa alla nomina del nuovo sindaco di Mileto, la realtà guidata da Antonio Arena non si esime dal dire la sua al riguardo. «Purtroppo, o per fortuna – si legge nel manifesto politico-elettorale diramato nelle ultime ore – dobbiamo amaramente constatare che alla fine della campagna pre-elettorale, volta alla composizione delle liste, la “montagna” di buone intenzioni, di cui abbiamo fatto parte, ha partorito un topolino ed abbiamo consegnato agli elettori il difficile compito di scegliere tra due facce della stessa medaglia. Ebbene sì, nei fatti hanno prevalso ancora, nella composizione delle liste, l’ostruzionismo personale, il campanilismo sterile, il protagonismo ed il personalismo ad ogni costo, il familismo di conta e di peso». 

Nella cruda analisi pre-voto, i componenti di “Milètos” ammettono apertamente di aver anche loro commesso «dei grossolani errori tattici nel processo di composizione delle liste». Errori fatti «in buona fede e per inesperienza», dovuti al fatto «di aver voluto credere, ancora una volta, nella collegialità e nella democrazia. Dovevamo invece, già dal 10 marzo 2018 – si sottolinea – far prevalere in noi la nostra “inesperienza pre-elettorale” ed imporci autonomamente ed autorevolmente perché consapevoli di essere portatori di valori sani per il bene Comune del nostro territorio. Sbagliando si impara! E solo chi non fa non sbaglia! Pertanto, abbandoniamo i muri del pianto, rimbocchiamoci le maniche e cominciamo a fare qualcosa per il nostro paese…». Pronunciato il “mea culpa”, i componenti del direttivo dell’associazione si proiettano a questo punto al prossimo 10 giugno, giorno delle elezioni, rispondendo ai tanti concittadini, associati e/o vicini, «che si chiedono e ci chiedono come e per chi votare». Nello specifico, invitandoli a votare «liberamente secondo coscienza cercando di scegliere il male minore…». Riguardo, invece, ai due candidati a sindaco ed ai rispettivi candidati consiglieri «ci permettiamo di chiedere un impegno esemplare, concreto e credibile e che faccia superare quel campanilismo sterile tra le frazioni del nostro territorio. Pertanto, anche al fine di ricucire lo strappo di fiducia tra le Istituzioni e i cittadini – si rimarca in conclusione – impegnatevi da subito nella campagna elettorale affinché la vostra prima delibera sia quella di un taglio delle vostre indennità per destinarle alla costituzione di un fondo per le opere di pubblica utilità per tutte le frazioni del territorio comunale, iniziando ad esempio con l’intitolazione del tratto di strada che collega Mileto a Paravati in “Viale della Pace” prevedendovi anche l’installazione della pubblica illuminazione, magari nella strada che porta alla Fondazione Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime, a simbolo anche del campanilismo superato. A noi tutti cari associati e simpatizzanti, diciamo di non disperarci e di non disperderci per l’accaduto, perché nella vita l’importante non è vincere e né partecipare ma ricominciare…».

LEGGI ANCHE:

Comunali a Mileto, candidati al rush finale. Legalità e trasparenza in primo piano (VIDEO)

Comunali a Mileto, la campagna elettorale entra nel vivo tra ritorni e incognite

Mileto verso le comunali, “Energia mediterranea” si presenta ufficialmente