Verde pubblico a Vibo, il Comune propone in “adozione” le aiuole cittadine

Pubblicata su impulso del competente assessorato, guidato da Katia Franzè, la manifestazione d’interesse per la sponsorizzazione di aree urbane denominata “Il verde è vita”

Pubblicata su impulso del competente assessorato, guidato da Katia Franzè, la manifestazione d’interesse per la sponsorizzazione di aree urbane denominata “Il verde è vita”

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Gli “sponsor” si impegneranno ad eseguire, a propria cura e spese, la gestione, la manutenzione e l’abbellimento con essenze floreali, e quant’altro riterranno opportuno per migliorare l’immagine di aree di verde pubblico ed aiuole ricadenti sul territorio cittadino». E’ questo, in estrema sintesi, l’obiettivo dell’iniziativa promossa dall’assessore all’Urbanistica e decoro urbano di Vibo Valentia, Katia Franzè, in attuazione a quanto statuito dalla Giunta comunale con apposita delibera. Sostanzialmente si tratta della seconda edizione di un progetto varato per la prima volta due anni fa e che in questa seconda occasione tende a un maggiore coinvolgimento. L’assessore Franzè ha tenuto, infatti, a sottolineare che «sebbene si tratti di una riproposizione di un’idea, peraltro già riuscita nel passato, adesso si tende a dare maggiore decoro e a migliorare l’immagine della città attraverso la collaborazione fattiva e reale oltre che di aziende e semplici cittadini anche di associazioni che intenderanno contribuire con la loro sponsorizzazione che – chiarisce l’assessore – sarà evidenziata con appositi cartelli pubblicitari ivi installati, in maniera tale da favorire  un nuovo e più consono aspetto curato della città». Per questa ragione l’amministratrice dell’esecutivo Costa intende rivolgere un «Appello a quanti hanno a cura il migliore destino della città capoluogo e delle sue circoscrizioni, affinché aderiscano in modo convinto alla iniziativa, magari dando sfogo ad idee originali che possono suscitare ancora di più stupore per la creatività». Coloro che aderiranno all’iniziativa dovranno impegnarsi a mantenere l’area in buone condizioni per la durata di due anni dalla sottoscrizione di un formale impegno. Lo schema di avviso pubblico, la modulistica e il contratto relativi all’adesione e partecipazione al progetto è già pubblicato e scaricabile dal sito istituzionale dell’Ente.

Informazione pubblicitaria