Carattere

L’ex vicesindaco si dice orgoglioso di un risultato che consentirà di riaprire una strada chiusa ormai da quasi 10 anni

Politica

Nei giorni scorsi la Provincia di Vibo Valentia ha deliberato il piano straordinario di manutenzione della rete viaria di pertinenza, per il quinquennio 2019-2023. Un’iniziativa fondamentale per rimettere in sesto strade che da tempo versano in stato di degrado a causa della quasi totale mancanza d’interventi effettuati. L’ammontare complessivo dei lavori è di circa otto milioni di euro, finanziati dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Tra gli interventi previsti per il prossimo anno, è presente anche quello secondario di 250mila euro per il ripristino del piano viabile del tratto Mileto-San Giovanni-Snodo dell’Autostrada del Mediterraneo. Un inserimento importante per la comunità miletese, che consentirà di riaprire, seppur a regime ridotto, la via obbligata per accedere all’omonimo svincolo dell’A2, chiusa addirittura dal 2009. Nel dicembre del 2017, ad annunciare che presto sarebbero stati stanziati dei fondi per l’ammodernamento dell’arteria era stato l’allora consigliere provinciale Francesco Schimmenti, il quale oggi non manca di esprimere soddisfazione per la conferma del finanziamento ad hoc. «È indubbio - afferma oggi l’ex vicesindaco di Mileto all’epoca dell’amministrazione Crupi - che la delibera dei giorni scorsi mi ha riempito di gioia e d’orgoglio. Così come è altrettanto vero che questo è un risultato che sento fortemente mio. Ho rivestito la carica di consigliere provinciale solo per un mese e mezzo. Un arco di tempo breve, nel corso del quale tuttavia mi sono speso totalmente a favore della comunità, riuscendo a far inserire la Mileto-San Giovanni-Autostrada tra le priorità d’affrontare nell’ambito del progetto di miglioramento della rete viaria provinciale. Ciò rappresenta solo un primo passo per far sì che la strada diventi pienamente fruibile e che il moderno svincolo autostradale realizzato qualche anno fa dall’Anas abbia senso. Ma in un contesto di forte criticità come il nostro, che stenta a far emergere la politica vera e che, al contrario, spesso dà spazio all’improvvisazione e al pressappochismo nell’amministrare la cosa pubblica, non mi sembra un risultato da poco». L’intervento dell’ex esponente di maggioranza delle ultime amministrazioni Crupi e Mazzeo si conclude con uno sguardo alle prossime elezioni comunali, previste tra maggio e giugno del prossimo anno. Nello specifico, «riponendo la speranza che, una volta conclusa l’ennesima, seppur apprezzabile, fase di gestione commissariale dell’Ente, a Mileto si riesca finalmente a puntare sulla qualità e sulle reali capacità, e non sulla semplice quantità dei numeri».   

LEGGI ANCHEViabilità, la provinciale chiusa che mette in ginocchio Mileto e fa scappare i turisti (VIDEO)       

 

Seguici su Facebook