La riflessione | Politica a Vibo, “Nell’era del trasformismo si premi chi è rimasto coerente”

“Si fa sempre più spazio la moda di accomodarsi in direzione del miglior offerente. Non è accettabile eticamente e moralmente che oggi sei allineato ad uno schema politico e domani ti metti tra le braccia di chi osteggiavi”

“Si fa sempre più spazio la moda di accomodarsi in direzione del miglior offerente. Non è accettabile eticamente e moralmente che oggi sei allineato ad uno schema politico e domani ti metti tra le braccia di chi osteggiavi”

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

In politica ci sono sempre due categorie di persone: quelli che la fanno e, quelli che ne approfittano. In questa citazione di Pietro Nenni, si colloca la politica del territorio vibonese. Provare a procedere avendo fisso, un filo conduttore, è assai difficile, poiché gli stravolgimenti in atto sono tali e tanti, che verrebbe difficile trarne una logicità. Diciamo che quelli che ne approfittano per trarne giovamento personale sono in tanti; oggi alla corte di questo partito e domani, in fila per accreditarsi con il signor tal dei tali, sembra essere diventato lo spot elettorale più in voga. Abbiamo perso ogni forma d’identità, si sono smarrite quelle ideologie che nei tempi passati, identificavano con importanti connotazioni, i partiti; si riuscivano a distinguere in maniera netta da dove provenissero le proposte offerte ai cittadini. Attualmente tutto questo si è smarrito, facendo spazio alla moda di accomodarsi in direzione del miglior offerente, non è accettabile eticamente e moralmente, che oggi sei allineato ad uno schema politico, a cui credi con convinzione e, domani ti metti tra le braccia di chi, fino a ieri osteggiavi per contrasti ideologici. E’ una farsa che apre scenari improbabili, dove essere coerenti con le proprie idee, sembra essere diventato desueto. La nostra terra ha una necessità urgente: bisogna riprendere con forza ad affrontare le problematiche sociali, proponendo schemi attuabili, condivisibili e soprattutto credibili. Vibo ed il territorio provinciale, devono uscire dal perdurare di una miopia incancrenita, che ci ha portati ad essere gli ultimi degli ultimi, in tutte le classifiche economiche del nostro Paese! Il quadro è frastagliato, le tinte sono offuscate, in tutto questo, per riuscire a dare diverse tonalità, è indispensabile far emergere con vigore, chi negli anni ha dimostrato coerenza e competenza, chi condivide un percorso lineare ed eticamente inattaccabile, i cittadini devono invertire il modo di dare la propria preferenza, superando i retaggi clientelari. Bisogna cominciare a dare spazio a chi è riuscito, con competenza politica e professionalità, a rimanere coerente con la propria storia, senza essere attratto dalle sirene opportunistiche, che risuonano continuamente.

Informazione pubblicitaria

*Progressisti per Vibo