Provincia di Vibo: approvato il Piano di dimensionamento scolastico

In Consiglio provinciale passa all'unanimità anche lo schema di convenzione per la gestione del servizio di tesoreria dell'ente

In Consiglio provinciale passa all'unanimità anche lo schema di convenzione per la gestione del servizio di tesoreria dell'ente

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Piano di dimensionamento scolastico provinciale, inerente all’anno scolastico 2019/2020 e l’approvazione dello schema di convenzione per la gestione in concessione del servizio di tesoreria dell’ente, sono stati i punti all’ordine del giorno, discussi e approvati all’unanimità, dal Consiglio provinciale di Vibo Valentia, convocato in seduta straordinaria dal presidente Salvatore Solano. Il dibattito in aula ha preso il via con l’intervento del presidente e ha visto poi intervenire i consiglieri Antonio Carchedi (Partito Democratico), Giuseppe Muratore (Rinascita Vibonese) e Maria Fiorillo (Civilmente Impegnati) che hanno chiesto delucidazioni di natura politico-amministrativa e tecnico-normativa su entrambi i punti all’ordine del giorno. Chiarimenti che sono stati quindi forniti, rispettivamente, dal presidente Salvatore Solano e dal segretario generale dell’ente, Mario Ientile. «Capisaldi del provvedimento sul Piano di dimensionamento scolastico sono stati il mantenimento di tutti i plessi scolastici, in un’ottica di potenziamento dell’offerta formativa e di consolidamento della rete scolastica provinciale, – ha spiegato Solano -. Per tale adempimento, così come previsto dall’iter normativo, abbiamo tenuto in debita considerazione le linee guida emanate dal ministero dell’Istruzione, dell’università e della ricerca e dalla Regione Calabria», ha aggiunto il presidente della Provincia di Vibo. Per quanto concerne lo schema di convenzione per la gestione in concessione del servizio di tesoreria, ragguagli sono stati dati dal segretario Ientile, che ha reso edotto il Consiglio «delle novità normative che rendono opportuna la rivisitazione di tale dispositivo amministrativo, al fine di garantire la gestione ordinaria dell’ente». Tra gli scranni del consiglio provinciale si è registrata la presenza dei consiglieri Maria Rosaria La Grotta, Domenico Anello, Antonio Zinnà, Gregorio Profiti, e Carmine Mangiardi. Risultavano, invece, assenti Giuseppe Policaro e Maria Pascale.     

Informazione pubblicitaria