Comunali a Vibo, Bulzomì: «Luciano figura giusta per fare sintesi»

Il dirigente dell’Mns concorda con Mirabello: «Bipolarismo superato dai patti trasversali tra parti di Forza Italia ed ex consiglieri Pd»

Il dirigente dell’Mns concorda con Mirabello: «Bipolarismo superato dai patti trasversali tra parti di Forza Italia ed ex consiglieri Pd»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Si alimenta con un’altra voce il dibattito attorno alla candidatura di Stefano Luciano e alla ampia coalizione che si sta formando attorno alla sua figura. Dopo le esternazioni del consigliere regionale del Pd Michele Mirabello, a prendere la parola è Salvatore Bulzomì, che di Vibo Valentia è stato vicesindaco prima di sedere anche lui a Palazzo Campanella, ed è oggi dirigente del Movimento nazionale per la sovranità.

Informazione pubblicitaria

«Leggo le considerazioni del consigliere regionale Michele Mirabello sulla situazione politica di Vibo Valentia anche in riferimento alla convention tenutasi ieri al 501 e nell’esprimere condivisione evidenzio quanto segue: il quadro politico vocato al bipolarismo esistente fino a qualche anno fa in città è stato letteralmente superato dall’accordo trasversale che i consiglieri comunali del Partito democratico hanno sancito con una parte di Forza Italia; accordo questo ad oggi ancora esistente sulla prospettiva di strategie personali che poco hanno a che vedere con lo sviluppo del territorio. Va da sé – aggiunge Bulzomì – che a fronte di un quadro scomposto le forze politiche sane devono necessariamente ragionare senza pregiudizi ideologici al fine di misurarsi sui programmi e sui progetti che diano la possibilità a Vibo Valentia di uscire da un forte stato di crisi. Ed è proprio questo stato di crisi che determina oggi lo sforzo che si sta mettendo in atto di rinunciare, se del caso, ai propri simboli di partito per trovare convergenze larghe ed alleanze larghe che consentano di mettere in campo un progetto amministrativo serio e credibile che possa contrapporsi ad un patto personalistico di divisione del potere. In questo momento il soggetto che può mettere insieme forze solo apparentemente eterogenee ma accomunate dal bisogno di costruire la città del futuro è Stefano Luciano il quale con equilibrio e senso di responsabilità ha oggi il dovere di creare una sintesi e nel contempo una coalizione che superi i simboli dei partiti e che vada nella direzione – conclude Bulzomì – di mettere a disposizione di Vibo Valentia una classe dirigente, politica e amministrativa credibile e preparata».

LEGGI ANCHEComunali a Vibo, Luciano rompe gli indugi: «Pronto a ridare dignità alla città»

Pd a braccetto coi Sovranisti, Mirabello cerca di metterci una pezza: «Pensiamo alla città»

Comunali a Vibo, parla Mangialavori: «Serve una coalizione forte per guidare la città»

Comunali a Vibo, centrodestra dubbioso: passo indietro di Sorace?