Comunali a Vibo, la Limardo ai giovani: «Siete il futuro della città»

Il candidato a sindaco del centrodestra organizza un incontro con i ragazzi vibonesi: «Creeremo le basi per una crescita collettiva che guardi al domani»

Il candidato a sindaco del centrodestra organizza un incontro con i ragazzi vibonesi: «Creeremo le basi per una crescita collettiva che guardi al domani»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Vogliamo darvi la possibilità di tornare a Vibo. Di tornare a vivere nella vostra e nella nostra città, o di rimanerci». Il messaggio è quello partito dal candidato a sindaco di Vibo Valentia Maria Limardo, che ieri nella sua segreteria politica ha incontrato i giovani, universitari e lavoratori, ognuno col suo bagaglio di esperienze e ambizioni. Un evento ideato e pensato appositamente per loro, i ragazzi di Vibo Valentia, le cui aspettative per la città saranno poste al centro del programma del candidato sindaco. In una sala gremita e animata da un dibattito di livello, moderato da Marco Martino, i giovani sono stati i protagonisti. «Molti di voi – ha detto Limardo, rivolgendosi ai ragazzi – si trovano fuori città per questioni di studio o lavoro. Ebbene, vogliamo darvi la possibilità di tornare a vivere a Vibo. Oggi, mi impegno con tutti voi in prima persona per costruire le condizioni affinché abbiate nella vostra città un’opportunità di crescita». 

Informazione pubblicitaria

Un progetto, si è detto, che possa partire dal «recupero dell’orgoglio della vibonesità». «Dobbiamo indignarci dinnanzi alle cose che non funzionano – ha ribadito l’esponente del centrodestra – e far sì che questo sentimento sia da spinta per cambiare le cose. Vibo dovrà tornare ad essere punto di riferimento per le realtà vicine. La cultura sarà il nostro faro, insieme alla trasparenza e alla partecipazione dei cittadini nei processi decisionali per la città». Da qui, il proposito. «Voi giovani – ha affermato ancora – siete il nostro ponte per il futuro. Abbiamo il dovere di far volare questa città verso mete sempre più alte».