Fusione tra Comuni, due enti si tirano indietro e altri chiedono di partecipare

Seconda riunione operativa in cui è stato analizzato il quadro giuridico ed approntata una bozza dei vantaggi, in termini di trasferimenti erariali, che porterebbe l’unione. Presenti Filogaso, San Nicola da Crissa, Monterosso, Capistrano e Maierato

Seconda riunione operativa in cui è stato analizzato il quadro giuridico ed approntata una bozza dei vantaggi, in termini di trasferimenti erariali, che porterebbe l’unione. Presenti Filogaso, San Nicola da Crissa, Monterosso, Capistrano e Maierato

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Le riunioni proseguono, i Comuni fanno sul serio. L’obiettivo dichiarato è quello della fusione, e gli enti coinvolti si sono dati appuntamento nuovamente a Filogaso per un secondo incontro. Con qualche novità: si chiamano fuori Polia e Francavilla Angitola, mentre altri chiedono di potervi prendere parte. Le “candidature” verranno vagliate successivamente.

Informazione pubblicitaria

All’incontro hanno partecipato i sindaci di Filogaso Trimmeliti, di San Nicola da Crissa Condello, di Monterosso Lampasi , di Capistrano Martino mentre il Comune di Maierato con il sindaco Silvaggio ha confermato la sua disponibilità a proseguire l’iter ma per altri impegni non ha potuto partecipare. Registrata, come detto, la defezione di Polia e Francavilla Angitola. Al tavolo di lavoro hanno preso parte Francesco Aiello, docente dell’Unical ed in rappresentanza di Open Calabria, partner tecnico selezionato per l’analisi economico finanziaria della proposta, e il segretario generale Domenico Libero Scuglia. È stata effettuata una prima valutazione del rapporto stretto tra quadro legislativo generale e costruzione operativa nel campo di esperienze associative. In particolare Aiello ha ragguagliato i partecipanti sul recente studio effettuato sulla pressione fiscale dei Comuni calabresi. L’analisi dei bilanci dei Comuni calabresi mostra come siano limitatissimi i margini di azione delle amministrazioni locali e come sia elevata l’incidenza delle spese per abitante nei piccoli comuni. Due elementi che confermano la necessità di ripensare a nuovi modelli di organizzazione delle amministrazioni delle comunità, le quali, pur preservando le proprie identità, potrebbero godere dei vantaggi legati alle risorse finanziarie liberate dai recuperi di efficienza nell’offerta dei servizi. Lo scenario di oggi è che la razionalizzazione delle poche risorse disponibili non soltanto si traduce in una riduzione della varietà e della qualità dei servizi offerti ai cittadini, ma anche in elevati tributi locali necessari alla quadratura dei bilanci. Valori elevati della pressione fiscale caratterizzano tutti i piccoli comuni italiani: in Calabria, per esempio, nel biennio 2016-2017 la pressione fiscale nei comuni con meno di 1000 abitanti è pari a 917 euro all’anno, mentre in quelli con una popolazione compresa tra 3000 e 6000 abitanti è pari a 687 euro pro-capite: chi vive nei nano comuni calabresi versa alla casse comunali 230 euro in più all’anno rispetto a chi vive in paesi leggermente più grandi. Si tratta di un ulteriore motivo che spiega, a parere dei promotori, la non convenienza a vivere nei piccoli comuni calabresi.

In particolare, sono stati esaminati vari modelli di gestione nel contesto dei comuni più piccoli che si trovano ad essere impreparati ai nuovi compiti e sono chiamati ad aggregarsi tra di loro in modo da conseguire significativi miglioramenti in termini sia di efficacia che di efficienza. Il lavoro che sarà svolto nelle prossime settimane affronterà in modo particolareggiato le problematiche di tipo organizzativo, evidenziando per ogni soluzione punti di forza e di debolezza. Dopo questo studio si procederà ad un’analisi compiuta del modello gestionale più conveniente nel tentativo di individuare quello che consenta di perseguire gli obiettivi di miglioramento, al di là dei luoghi comuni improntati ad un profondo scetticismo o, al contrario, ad un’esaltazione acritica della cooperazione tra gli enti. In conclusione Aiello ha prodotto un quadro riepilogativo riportante le maggiorazioni dei trasferimenti erariali per i comuni interessati per i prossimi dieci anni. Di seguito le tabelle riepilogative.

FUSIONE TABELLA 1

FUSIONE TABELLA 2

FUSIONE TABELLA 3

LEGGI ANCHESette sindaci vibonesi puntano alla fusione dei loro Comuni