Comune Vibo, la maggioranza si divide le ultime “poltrone”

Mentre il sindaco comunica la scelta di Michele Falduto quale assessore in quota Fratelli d'Italia, i gruppi individuano i presidenti delle commissioni, in attesa della votazione di lunedì

Mentre il sindaco comunica la scelta di Michele Falduto quale assessore in quota Fratelli d'Italia, i gruppi individuano i presidenti delle commissioni, in attesa della votazione di lunedì

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Al Comune di Vibo Valentia la suddivisione delle postazioni istituzionali e politiche non è ancora terminata. Questa mattina Michele Falduto diventerà il nono assessore della giunta del sindaco Maria Limardo. E sarà l’assessore più giovane, classe ’86, di un esecutivo che abbraccia tutte le età, fino al ’49 di Domenico Primerano. Falduto, come anticipato da qualche giorno, è il nome che ha individuato il primo cittadino dalla terna che gli era stata fornita da Fratelli d’Italia all’esito di un travagliato percorso. Scartate, dunque, le ipotesi Lagrotta e Pugliese. Già in mattinata è atteso il decreto di nomina, dal quale si evinceranno anche le deleghe assegnate alla persona scelta ed al partito. 

Informazione pubblicitaria

Ma la partita nella maggioranza, sul resto delle “poltrone”, non è ancora chiusa. Per lunedì è infatti fissata la pubblica assemblea convocata dal presidente del consiglio Pino Muratore per la votazione dei presidenti e dei relativi vice delle cinque commissioni consiliari. Ma in realtà la politica ha già dato la sua indicazione in tal senso, almeno per quanto concerne la maggioranza. E così, salvo improbabili ribaltoni, la presidenza della prima commissione, ovvero Bilancio e Affari generali andrà a Nico Console, capogruppo di Con Vibo per Vibo (Udc); la seconda, in cui si lavora sull’Urbanistica, andrà a Maria Carmosina Corrado (Forza Italia); per la Terza commissione, Lavori pubblici e Commercio, è stata invece designata Serena Lo Schiavo (Rinasci Vibo), che prosegue quindi nel solco del padre Filippo, ex consigliere e già presidente della medesima commissione nelle ultime due amministrazioni. Infine, la quarta, Servizi sociali, Cultura e Turismo, andrà a Lorenza Scrugli (Vibo Valentia da vivere), anche lei nel percorso già tracciato nella precedente consiliatura, quando si occupava di Politiche sociali ma da una postazione ben più importante, quella di assessore. Infine, la quinta commissione. Per conoscere il presidente bisognerà però attendere il voto di lunedì, perché questa di Controllo e garanzia va alla minoranza; una parte della stessa, il Movimento 5 Stelle, aveva già annunciato l’intenzione di chiedere all’intero consiglio di convergere sul nominativo di Luisa Santoro. Se le richieste verranno esaudite, lo si vedrà presto. 

LEGGI ANCHEComune Vibo, l’ufficio di presidenza rinuncia ad eventuali fondi per trasferte e pranzi