sabato,Giugno 25 2022

Tesseramento nel Pd vibonese, annullate oltre duecento tessere ritenute irregolari

Lo rende noto Samantha Mercadante, componente del coordinamento cittadino democrat, la quale aveva presentato apposito ricorso alla Commissione regionale per il tesseramento

Tesseramento nel Pd vibonese, annullate oltre duecento tessere ritenute irregolari
Samantha Mercadante

«Esprimo grande soddisfazione per l’accoglimento del ricorso che ho presentato alla Commissione regionale per il tesseramento del Partito democratico, con la conseguenza che sono state annullate oltre 200 tessere nella provincia di Vibo, rispetto alle quali sono emersi dei profili di irregolarità. Il ricorso è stato valutato e accolto dalla Commissione provinciale di Vibo Valentia per il tesseramento. La soddisfazione nasce dal fatto di vedere garantite le regole del tesseramento e congressuale che rappresentano il presupposto di ogni partito che intende realmente acquisire credibilità».

A parlare è Samantha Mercadante, del coordinamento cittadino del Pd, la quale, in qualità anche di componente della Commissione provinciale di Vibo Valentia per il tesseramento aveva più volte posto all’evidenza della stessa presidente della Commissione, nonché del presidente della Commissione regionale, che non era «stata posta nelle condizioni di avere i documenti necessari per espletare la mia funzione di garanzia e quindi di poter verificare la regolarità dei tesseramenti».

Samantha Mercadante spiega adesso di avere ritenuto opportuno rendere «pubblica tale notizia perché è fondamentale che i cittadini sappiano che nel Partito democratico è presente un gruppo di giovani che vuole realmente cambiare passo ed interrompere tutte le azioni negative del passato. È su questo presupposto che intendiamo ristabilire quel necessario rapporto di fiducia tra il Pd e i cittadini per ricostruire un partito tra la gente e per la gente».

LEGGI ANCHE: L’elezione del segretario del Pd vibonese fra rinnovamento e vecchie posizioni

Tesseramento Pd vibonese: Valeria Giancotti denuncia «violazioni regolamentari»

top