mercoledì,Giugno 19 2024

Pizzo, Pititto inaugura la sede elettorale: «Si pratichi la cultura del Noi». E Forza Italia si mobilita pure da Vibo

In una sala di via Nazionale la lista “Adesso Pizzo” ha aperto ufficialmente le porte al pubblico. Presenti i maggiori esponenti provinciali di Forza Italia, da Giuseppe Mangialavori a Michele Comito, da Rosario Varì a Tonino Daffinà, da Roberto Scalfari a Francesco Pascale. Ecco tutti i candidati al Consiglio comunale

Pizzo, Pititto inaugura la sede elettorale: «Si pratichi la cultura del Noi». E Forza Italia si mobilita pure da Vibo
I candidati di "Adesso Pizzo" in compagnia del senatore di Forza Italia Giuseppe Mangialavori
L’aspirante primo cittadino Sergio Pititto

Si entra nel vivo della campagna elettorale a Pizzo. I tre candidati a sindaco (Francesco Muzzopappa, Emilio De Pasquale e Sergio Pititto), assieme alle rispettive liste, hanno già inaugurato le loro sedi elettorali. L’ultimo, in ordine di tempo è stato Sergio Pititto, che sabato ha ufficialmente iniziato il suo percorso per la carica di sindaco inaugurando la sede elettorale.

Ad attenderlo, non solo pizzitani (e dunque possibili elettori), ma anche “forestieri” (vibonesi, soprattutto) che hanno voluto mostrarsi accanto a Pititto. Soprattutto esponenti di Forza Italia desiderosi di supportare la lista dell’aspirate sindaco denominata “Adesso Pizzo”. In prima fila il coordinatore regionale di Forza Italia, ovvero il senatore vibonese Giuseppe Mangialavori che, come ribadito pure da Sergio Pititto, ha sposato il progetto dell’aspirante sindaco sin dall’inizio. Quindi non è voluto mancare il consigliere regionale di Forza Italia, Michele Comito, presidente della III Commissione consiliare Sanità della Regione Calabria, l’assessore regionale agli Attrattori culturali Rosario Varì (anche lui di Vibo Valentia), il vicesindaco di Tropea Roberto Scalfari, l’esponente di Fi Antonino Daffinà (vicinissimo a Roberto Occhiuto), il consigliere comunale forzista di Vibo Valentia Raffaele Iorfida, l’ex assessore comunale di Vibo Francesco Pascale (nipote del sindaco Maria Limardo e dal dicembre scorso responsabile amministrativo della Struttura dell’assessore Varì). [Continua in basso]

«Sono immensamente felice di vedere tutta questa gente qui oggi. Mi fa capire che tante persone credono in me, e soprattutto nella mia squadra, composta da gente perbene e di spessore». Esordisce così l’aspirante primo cittadino Sergio Pititto. «Spesso dico che i sogni si possono realizzare. Questa sera abbiamo già raggiunto un obiettivo: abitare i cuori delle tante persone presenti. “Esserci per cambiare”, il mio slogan da sempre, è quello che state facendo voi oggi qui. Io e la mia squadra crediamo che bisogna aggregare, ritornare a riprenderci le identità, abitare le periferie esistenziali, arrivare a riconoscere i disagi e i bisogni, così da trasformarli in opportunità. Lo dico dal primo momento: bisogna praticare la cultura del “noi”. Non c’è un sindaco, il Comune appartiene alla popolazione. I giovani presenti oggi hanno a cuore il futuro della città. Ci siamo depauperati del capitale umano. Ecco, oggi vi dico: recuperiamolo».
Sulla sua squadra, Pititto ha spiegato: «Si impegna già nelle associazioni e nel mondo del lavoro. Nessuno mi ha dovuto convincere per candidarmi, sono bastate le tante donne i tanti uomini che ci hanno detto “mettiamoci assieme”. E poi, parliamoci chiaro, io so dov’è e com’è Germaneto, i dipartimenti, i ministeri».

Qualche accenno anche al programma elettorale, il quale secondo Sergio Pititto «spesso viene inflazionato. Io dico che bisogna recuperare l’identità ed è su questo principio che abbiamo lavorato per la stesura del programma, e non solo noi candidati, ma anche persone non in lista. Dobbiamo creare un turismo che duri tutti i giorni, puntando su mare, religione e cultura. Io metto cuore e anima in tutto quello che faccio». Non sono mancati anche riferimenti a innovazioni che l’aspirante primo cittadino ha in mente in caso di vittoria: «La gente ha necessità di essere ascoltata, così come i giovani: abbiamo già pensato ad un assessorato alle politiche giovanili e ad un “ufficio dei ragazzi”. Il popolo deve riappropriarsi della casa comunale». [Continua in basso]

Tanti i ringraziamenti fatti alle forze politiche ed ai sostenitori presenti: «Non posso che ringraziare le tante persone che sono qui e che mi danno sostegno dal primo giorno: Giuseppe Mangialavori, che ha sposato dal primo momento il programma, e questo mi fa ben sperare. Lo ringrazio sia come amico che come politico, per il supporto e l’energia che mi dà ogni giorno. L’onorevole Michele Comito, perché conosce gli uomini, le donne e il territorio, mettendoci la faccia e la passione giusta ogni giorno. È un uomo di competenze, ricco di serietà e lucidità. Ed ancora: l’assessore Rosario Varì, per la sua professionalità e passione. Roberto Cosentino, direttore generale del dipartimento Lavoro e delle Politiche Sociali, che è tra quelli che mi ha aperto le porte della Regione, Paolo Petrolo, commissario Aterp Calabria, Roberto Scalfari, vicesindaco di Tropea, Mimmo Pacifico, mio sostenitore napitino e tutti i medici presenti tra cui Francesco Bilotta e i fratelli De Sando».

Michele Comito, rivolgendosi a Pititto ed al pubblico, ha affermato: «Abbiamo un obiettivo, che non è soltanto quello di vincere, perché la squadra di Pititto vincerà. So bene che, quando Giuseppe Mangialavori si impegna, poi vince, così come raccontano le cronache recenti. L’obiettivo è dimostrare cosa sarà in grado di dare questo territorio. Dalla Regione, Sergio, ti confermo tutto il supporto anche per l’utilizzo dei fondi del Pnrr. Negli anni hai dimostrato – continua rivolgendosi all’aspirante sindaco – di fare sempre attività di servizio ed hai sicuramente sensibilità piena per amministrare bene. Possiamo dimostrare di fare una politica vera».

Anche l’assessore regionale Rosario Varì non ha mancato di dire la sua: «Felice di essere qui e notare questo entusiasmo. Non in tutti i territori è così. Tutti i giorni, oltre ad amministrare, noi ascoltiamo. È importante conoscere le esigenze dei cittadini. Sergio – afferma rivolgendosi al candidato a sindaco di di “Adesso Pizzo” – non sarai solo e dovrai essere supportato dalla comunità. Quando si governa un Comune, è importante lavorare insieme per programmare il futuro e lo sviluppo del territorio. E io sono convinto che con Sergio Pititto potremmo farlo». [Continua in basso]

Mimmo Pacifico

Quindi l’intervento di Mimmo Pacifico, sostenitore napitino di “Adesso Pizzo”: «Ringrazio Mangialavori, Comito e Varì perché abbiamo sempre sentito la Regione lontana da questo paese. Sergio ha sempre lavorato al fianco dei lavoratori, e questo è un sigillo di garanzia per tutti noi. Sono convinto che questa squadra amministrerà il nostro Comune per i prossimi cinque anni. Non vogliamo vincere per demerito degli altri, ma per la forza delle nostre idee, e vinceremo perché il cuore pulsante di Pizzo è qui stasera. Bisognerà programmare gli interventi perbene: non dobbiamo spendere 15.000,00 euro per lucidare i gradini del Comune, o 10.000,00 euro per i tornelli all’entrata del palazzo di Città e toglierli subito dopo. Ed ancora, non possiamo spendere 50.000,00 euro per un inutile studio di fattibilità per il depuratore. Noi queste risorse le spenderemo per migliorare la città, perché è questo che la gente ci chiede».

La chiusura della serata è stata affidata al senatore di Forza Italia, Giuseppe Mangialavori: «Sono felice di essere qui. Mi è capitato di guardare ogni tanto i social, ho visto facce tristi in un’altra sala, molto diverse da quelle che vedo oggi: l’entusiasmo che si sente in questa occasione mi fa riflettere. Molto probabilmente quell’aria è cupa, forse si rendono conto che dovranno lavorare molto per raggiungerci, ma non ce la faranno. Questa è una squadra ricca di giovani e meno giovani, e tutti con spirito di volontà per Pizzo. Bisogna ridare dignità a questo paese. Sarà compito vostro – ha concluso rivolgendosi ai candidati – portare alla luce tutte le bellezze di Pizzo, facendo acquisire al paese il primato della nostra provincia».
I candidati al Consiglio comunale nella lista a sostegno dell’aspirante sindaco Sergio Pititto sono: Moreno Ceravolo, Marina Betrò, Francesco Procopio, Vincenzo Pagnotta, Maurizio Broussard, Gennaro Muratore, Gioacchino Puglisi, Carmen Giampà, Stefania Calfapietra e Laura Buffone.

LEGGI ANCHE: Comunali a Pizzo, il candidato a sindaco Muzzopappa: «Metteremo ordine al caos»

Comunali a Pizzo, il candidato a sindaco De Pasquale: «Daremo risposte concrete al territorio»

Articoli correlati

top