domenica,Maggio 19 2024

Enzo Romeo presenta il centro studi “Progetto Vibo Valentia”

L'iniziativa associativa si propone l'obiettivo di dare vita a un movimento partecipativo aperto ai cittadini che vorranno impegnarsi per la città

Enzo Romeo presenta il centro studi “Progetto Vibo Valentia”

Costituito da poco e presieduto dal dottor Enzo Romeo, il Centro Studi e Ricerche “Progetto Vibo Valentia”, che ha sede nel centro della città in Corso Umberto I, è un sodalizio che ha già registrato una nutrita adesione iniziale e farà il suo esordio inaugurale il prossimo 4 febbraio, occasione durante la quale il fondatore e presidente dell’associazione, assieme agli altri soci fondatori e al gruppo dirigente, incontrerà la Stampa per presentare gli obiettivi dell’iniziativa e illustrarne il carattere marcatamente “politico”. “L’iniziativa associativa si propone l’obiettivo di dare vita a un movimento partecipativo, aperto ai cittadini che vorranno impegnarsi in favore di una “nuova Vibo Valentia”, – spiega Romeo -una città ricca di storia e di tradizioni, forte di una bellezza intrinseca ma a lungo trascurata fino al degrado attuale. Certo, non potrà essere solamente un gruppo di persone, per quanto sospinte da una sincera passione, a risollevare la città, ma una collettività che possa ritornare a sentirsi tale, che voglia riappropriarsi dei diritti essenziali di cittadinanza, che si riconosca in un’identità profonda, in una visione plurale, aperta, impegnata, in favore dello sviluppo e dell’occupazione, del riconoscimento dei quartieri così come del patrimonio storico, architettonico, ambientale e culturale, il tutto integrato in una realizzabile “smart city”, città intelligente e interconnessa”. [Continua in basso]

“Insomma, una Vibo Valentia nella quale ogni ceto sociale possa riconoscere finalmente e concretamente motivi di soddisfazione morale e materiale e di virtuoso orgoglio. Su questi presupposti – ha concluso Romeo – saranno avviate in date imminenti le prime discussioni tematiche, innanzitutto con gli Ordini professionali vibonesi e subito con le associazioni datoriali e di categoria e ogni gruppo e aggregazione che sentirà l’esigenza di suggerire, proporre, indicare ogni strada possibile per il bene della città, per la risoluzione dei fatti critici che la caratterizzano ma anche per la valorizzazione delle sue peculiarità. Il risultato di questo lavoro preliminare sarà successivamente oggetto di confronto con le forze politiche del centro-sinistra e con ogni altro movimento civico, al fine di arricchirlo di ulteriori studi ed allo scopo di giungere a programmi condivisi”.

LEGGI ANCHE: Vibo, Romeo invita il centrosinistra a fare una proposta di unità. «La città ha bisogno di tutti»

Articoli correlati

top