Il Governo stanzia i fondi per la viabilità provinciale – VIDEO

Nella conversione in legge del “decreto-enti locali” recepito un emendamento  presentato dal parlamentare vibonese del Pd Bruno Censore. Polemica con Dalila Nesci 

Nella conversione in legge del “decreto-enti locali” recepito un emendamento  presentato dal parlamentare vibonese del Pd Bruno Censore. Polemica con Dalila Nesci 

Informazione pubblicitaria
Una delle tante strade dissestate della provincia di Vibo Valentia

«Il voto favorevole della Camera sulla conversione in legge del “decreto enti locali” segna un importante cambio di passo strutturale delle politiche governative sulle autonomie locali. Il lavoro della maggioranza conferma così quanto già previsto in prima istanza nell’ultima legge finanziaria: cioè il superamento del Patto di Stabilità e una maggiore autonomia degli enti territoriali». 

Ad esprimere soddisfazione per l’attività portata avanti in questo settore dal gruppo parlamentare Pd sul riordino degli enti locali varato dal Governo Renzi è il deputato Bruno Censore.

Il parlamentare di Serra San Bruno pone l’accento soprattutto sui finanziamenti per la viabilità e i trasporti locali, la sospensione della tassazione aeroportuale, la stabilizzazione dei docenti delle scuole dell’infanzia e degli asili nido, lo sblocco del turn-over per i Comuni virtuosi. Un importante risultato è stato raggiunto, inoltre, con un altro emendamento presentato da Censore, riformulato e recepito dal relatore sull’assegnazione di 100 milioni di euro direttamente a tutte le province per la viabilità, determinando così una semplificazione nelle procedure e negli interventi degli enti sulla manutenzione delle infrastrutture di loro competenza.

Poi una stoccata alla collega del Movimento Cinque Stelle Dalila Nesci. «A chi, come lei, parla di chiusura, di tagli e di “pezze” rispondiamo – ha chiosato Censore – con l’impegno concreto portato avanti e con i fatti».

Provincia, per la Nesci «Il Pd continua a mortificare i lavoratori»

 

LA REPLICA DI CENSORE A DALILA NESCI